29 aprile, 2016

Sant'Agata di Militello. Villa Falcone e Borsellino. Dopo la riqualificazione mancavano i cestini. Installati oggi.

Nella Villa "Falcone e Borsellno" dopo l'operazione di riqualificazione avvenuta con un finanziamento di circa un milione e mezzo di euro, mancavano i cestini. Il progetto iniziale per il quale si era ottenuto il finanziamento prevedeva, tra l'altro, nella parte iniziale, la collocazione di un manufatto semi pensile, chiamato "Casa del Turista". Il manufatto, oggetto di critica, si è scoperto al momento delle autorizzazioni, non essere a norma con le leggi vigenti e pertanto la somma prevista, pare, sia stata stornata per la ricostruzione del muro di contenimento e del marciapiede lato mare, distrutto in parte e danneggiato dai marosi di qualche anno fa. Al momento della consegna dei lavori, dopo la riqualificazione, mancavano i cestini per i rifiuti- Lo abbiamo segnalato su FB e sull'"Altra Informazione" (Questo Blog). Abbiamo anche segnalato la necessità dell'installazione di un "sistema" di "videosorveglianza" per scoraggiare eventuali atti di vandalismo. Speriamo anche questo annoso problema che ha riguardato e continua a riguardare alcuni luoghi turistici della nostra cittadina, venga presto risolto.
(continua a leggere cliccando su "Leggi tutto". Altre foto)

26 aprile, 2016

Tutto il mondo è paese. A Sant'Agata di Militello come a Roma? Mancano anche qui i controlli? Ascoltiamo attentamente il video.

La pulizia e la manutenzione delle strade. Senza commenti dopo la protesta civile, educata di un emigrato che era tornato nella sua città natia dove ha lasciato i suoi affetti e i suoi ricordi.
 Di veri turisti neanche l'ombra.

Le foto possono essere ingrandite cliccandoci sopra.

Sant'Agata Militello, in piccolo, come Roma Capitale?
Credo di no ma .... ascoltiamo circa 10 minuti dell'intervista andata ieri sera in onda su La 7 nella trasmissione "Piazza Pulita" di Formigli che ho estrapolato e dopo ....... riflettete cittadini, riflettete.












Guarda e ascolta il video.



Caricato il 26 apr 2016
Video dell "Altra Informazione" tratto dalla trasmissione di La7 "Piazza Pulita" del 25/04/2016.
Tutto il mondo è paese? Mancano i controlli? Cosa fare?


I "migliori siamo noi". Nessuno ci può superare. Sant'Agata di Militello non può dirlo.

I "migliori siamo noi". Nessuno ci può superare. Sant'Agata di Militello non può più dirlo.
C'è stato e continua ad esserci, a mio avviso, ma potrei sbagliarmi, un'incapacità politica-gestionale-amministrativa che è ineguagliabile. Insuperabile e finora insuperata da eventuali amministratori di paesi vicini o del circondario.
Se a tutto questo aggiungiamo anche i "provvedimenti" presi e messi in atto dalla magistratura (Camelot e più recentemente la gara di appalto del Porto "truccata", sempre secondo la magistratura), la "torta" da sbattere in faccia ai cittadini santagatesi è pronta per "consumarci" e non per essere consumata.
Ed ecco che mi ritorna in mente, ed ho pubblicato sulla mia pagina su FB, quello che un cittadino immigrato al nord per lavoro e che è ritornato nel paese di origine per le ferie estive e per rivedere i genitori.
Gino mi aveva scritto anni addietro:
(continuate a leggere cliccando su "Leggi tutto")

24 aprile, 2016

A Sant'Agata di Militello sui lavori del Porto interviene la magistratura. Appalto irregolare. La stampa e i comunicati stampa evocano "fantasmi". Mancano solo gli "zombies".


Sul "Porto dei Nebrodi" o "Il Porto delle nebbie" di Sant'Agata Militello, che c'è di nuovo a distanza di un anno dalla pubblicazione di questa foto?
Ecco cosa scrive il "Fatto Quotidiano" dopo l'ennesimo intervento della Magistratura su alcuni "Fatti" (scusate il bisticcio di parole, ma solo bisticcio o bisticci?):

(Continua a leggere cliccando su "Leggi tutto")

19 aprile, 2016

Interdetto alla navigazione e alla pesca un tratto di mare sulla spiaggia di Sant'Agata di Militello. Una nave sostituirà i cavi telefonici marini.

Interdetto alla navigazione e alla pesca il tratto di mare ricadente tra il "Museo dei Nebrodi" e l'inizio della "Villa Falcone e Borsellino" di Sant'Agata Militello. Tutte le unità navali, comprese le piccole imbarcazioni, per questioni di sicurezza, dovranno mantenersi  ad una distanza di circa 500 metri da dove opera la Motonave "Vos Tethis" (nella foto in alto) e i quattro battelli d'appoggio al personale subacqueo impegnato nella rimozione dei cavi in rame e della relativa protezione degli stessi.  

12 aprile, 2016

Quale futuro per Sant'Agata di Militello? La previsioni tenendo conto delle statistiche degli ultimi dieci anni.


Sant'Agata di Militello: Meno popolazione, meno auto e motocicli, meno mezzi di trasporto merci (autocarri), meno attività commerciali, meno lavoro per tutti e per i giovani, meno ricchezza per i suoi abitanti.
 E allora?
Vogliamo vedere o prevedere il futuro di Sant'Agata di Militello non attraverso i "proclami" politici ma attraverso la storia recente di questi ultimi 10 anni e, perchè no, attraverso le statistiche e i confronti con i comuni vicini.
 I grafici statistici dovrebbero parlare da soli ma siccome tra i lettori di questo Blog c'è anche "u 'zzu Caloriu"  e quindi debbo chiarire qualche piccolo particolare o qualche dato numerico.
Cominciamo col "Trend" sulla popolazione del periodo 2001 - 2014.
 Il "Trend", lo specifico sempre e solo per u "zzu", é l'andamento complessivo di un fenomeno entro un certo periodo di tempo e può essere positivo o negativo. Per il nostro comune nel periodo accennato, è stato negativo (- 0,9 = Popolazione in diminuzione), mentre per Capo D'Orlando é stato positivo (+ 4,9).  La popolazione è aumentata.

Sant'Agata di Militello assaltata per la seconda volta da "Spider man". Questa volta è toccato al Cine.Teatro Aurora.

Foto d'archivio di una delle tante rappresentazioni teatrali dilettantistiche al Cine-Teatro Aurora.
"Spider man" assalta per la seconda volta Sant'Agata di Militello. Dopo la visita, fatta tanti anni fa, all'eco-mostro di piazza Duomo, questa volta ha preso di mira il Cine-teatro Aurora. Ed è qui che l'ho fotografato arrampicato e a "penzolon" sulle pareti dell'importante contenitore culturale chiuso o sotto-utilizzato da parecchi anni e la cui ristrutturazione e gestione da  affidare a privati o associazioni culturali, viene rimandata di giorno in giorno, anzi di anno in anno. E dire che basta solo fare un bando di gara a costo zero per il comune. Ma si sa, nella nostra cittadina tutto diventa difficile, anche scrivere un bando, firmarlo e pubblicarlo. E dire che mesi fa un fac-simile dello stesso bando, prelevato dalla rete, l'avevo inviato per posta a chi di dovere. Ma a Palazzo Crispi non funziona neanche la posta elettronica, neanche quella certificata!
Guardate il video e riflettete gente, riflettete!
Rimando a domani la pubblicazione della seconda parte del post "Quale futuro per Sant'Agata Militello"-


11 aprile, 2016

Sant'Agata di Militello. "Quale futuro?" Vederlo attraverso le statistiche del passato per prevederlo. Prima Puntata.


Amministrative del 2009
 Quale futuro per Sant'Agata di Militello?
E' questo l'interrogativo che una certa classe politica che ci ha amministrato in questi ultimi anni si è posto in questi giorni.
Non so quale risposta o risposte si siano dati e quali proposte (tranne che tentare di proporsi o riproporsi per le prossime amministrative).
Di grazia, sarei curioso di conoscere queste proposte.
Spero siano allettanti e che i nostri concittadini-elettori ci credano e li votino.
Stessa cosa dicasi per gli attuali amministratori e consiglieri tutti (maggioranza e minoranza).

Dal 2010 al 2014 siamo passati da 13.190 a 12.745 abitanti.
Una diminuzione di circa 450 abitanti.

A giudicare dalle statistiche che vi "sciorinerò" qui sotto non c'è da stare allegri.
Pensate che sia un caso o una malaugurata coincidenza il fatto che il decremento della popolazione e dell'economia nella nostra città sia dovuta alla tanto decantata e lungimirante amministrazione?
 Potrebbe essere un "pensar male ma, qualche volta ci si azzecca".
 Così diceva e continua a dire un ex magistrato oggi passato alla politica.
 Passiamo ai fatti, alla storia politica e alle statistiche che riguardano il nostro comune e due comuni a noi vicini.

08 aprile, 2016

Sant'Agata di Militello. Baglio Saraceno, atti di vandalismo, denunce alla magistratura, consiglieri finora dormienti e.... sorveglianza o videosorveglianza?

Baglio Saraceno, atti di vandalismo, denunce alla magistratura, consiglieri finora dormienti e che si svegliano improvvisamente, amministrazione incapace di risolvere neanche i piccoli problemi di manutenzione, lotte politiche per le poltrone.
 E i metodi gestionali non cambiano! Intanto gli "spodestati", oltre a produrre "querele per diffamazione" nei confronti di coloro che vorrebbero informare i cittadini sul "malgoverno" del passato e ahimè anche del presente, si interrogano su "Quale futuro" avrà la nostra Sant'Agata.
Il futuro, a mio avviso, non dipenderà dai politici o dagli amministratori che si preparano a governare o a rigovernare ma dai cittadini tutti  che con il loro voto dovrebbero fare scelte più attente ed oculate e dare preferenze solo ad elementi nuovi, capaci, onesti, che non abbiano "conflitti di interesse" personali e che, soprattutto, si impegnino con capacità, intelligenza ed altruismo. Sarà difficile, e mi auguro di sbagliarmi, trovare qui "individui" e "giovani" che abbiano tali caratteristiche. Fatevi sotto e preparatevi. Intanto, voi elettori e cittadini, sindacati che rappresentate lavoratori, commercianti e imprenditori fatevi sentire sin da adesso. Dimostrate che, almeno nel nostro comune, si vorrebbe rientrare nei limiti della "normalità" e della "legalità".

 
Video realizzato e pubblicato il 21 marzo 2011.
Ecco quello che scrivevo, in merito ai lavori del "Baglio Saraceno", oggi oggetto di scarsa manutenzione e vandalismo il

19 NOVEMBRE, 2011

Sant'Agata Militello. I lavori al "Baglio Saraceno". Incarichi esterni, competenze dei tecnici. E il RUP e gli altri quanto? Il prospetto delle competenze.

Leggiamo insieme la Tabella della foto in alto a sinistra.
(continua a leggere cliccando su "Leggi tutto")

07 aprile, 2016

Sant'Agata di Militello. La Villa Falcone e Borsellino prima e dopo l'operazione di riqualificazione

Dopo aver avviato il video qui sotto clicca sul simbolo
indicato dalla freccia.
Sant'Agata di Militello. La Villa Falcone e Borsellino prima e dopo l'operazione di riqualificazione avvenuta con un finanziamento di circa un milione e mezzo di euro.

Il risultato, dopo il confronto delle due video-riprese (affiancate), è opinabile?

Visualizza il video, possibilmente a schermo intero.

06 aprile, 2016

Villafranca Tirrena. Il santagatese Pippo Natoli, eletto nel consiglio direttivo UNPLI (Unione Nazionale Pro Loco d'Italia)

Pippo Natoli, secondo degli eletti nel Consiglio direttivo
dell'UNIPLI , è nella foto il primo da destra.
L'infaticabile e sempre attivo, Giuseppe Natoli (Pippo per gli amici), che con amore, passione e coraggio ha portato avanti nel corso dell'ultimo decennio, la "Pro Loco" del Comune di Sant'Agata Militello, è stato eletto, giorni fa, nel direttivo  della Provincia di Messina.
Nella riunione di Villafranca Tirrena, Pippo Natoli è stato il secondo degli eletti avendo riportato 34 voti. Alle votazioni hanno partecipato i presidenti delle Pro Loco della Provincia di Messina (39 su 45). 
Riconfermato con 35 voti su 39 votanti per il secondo mandato consecutivo il presidente Santi Gentile.
Sono stati eletti, invece, al consiglio provinciale: Giacobello Piero (Pro Loco Spadafora – 35 voti); Giuseppe Natoli (Pro Loco Sant’Agata Militello – 34 voti); Palato Saverio (Pro Loco Furci Siculo – 31 voti); Giuseppina Di Marco (Pro Loco San Teodoro – 25 voti); Villari Simona (Pro Loco Scaletta Zanclea – 22 voti) e Antonio Domenico Bonaccorso (Pro Loco Villafranca Tirrena – 22 voti). Gli altri candidati non eletti: Gambino Calogero(Pro Loco Gioiosa Marea – 10 voti); Casilli Antonio (Pro Loco Lipari – 10 voti) e Previti Domenico (Pro Loco Raccuja – 11 voti).
“Sono molto contento del risultato ottenuto – ha dichiarato il Presidente Pippo Natoli – e ringrazio tutte le pro loco che hanno voluto darmi fiducia rendendo possibile la mia elezione. Per i prossimi quattro anni avrò il difficile compito di coordinare le diverse pro loco del comprensorio nebroideo, con la speranza di poter realizzare progetti ed iniziative in collaborazione con le diverse realtà comunali e sovracomunali presenti e operanti nel territorio del Parco dei Nebrodi”. 

03 aprile, 2016

Sant'Agata di Militello. L'attrice Cinzia Scaglione ritorna a RAI 1 in "Torto o ragione? - Il verdetto finale"

L'attrice Cinzia Scaglione ritorna a
 
"Torto o ragione? Il verdetto finale" nella puntata dal titolo  "Al cuor non si comanda" che andrà in onda Venerdì 8 Aprile 2016 alle ore 15 su RAI 1
Torto o ragione? - Il verdetto finale è un programma televisivo italiano giuridico non istituzionale in onda su Rai1 dal 2008. Fino al 2014 era chiamato Verdetto finale con la conduzione di Veronica Maya. Dal 2014 è condotto da Monica Leofreddi e si rinnova leggermente.
Dinanzi al giudice si presentano due contendenti che raccontano una controversia che li divide.
Tali contendenti sono due attori che interpretano una parte; le storie da loro interpretate, come detto nei titoli di coda, sono frutto di fantasia. I due contendenti sono assistiti rispettivamente dagli avvocati Lorenzo Radogna (che ha preso il posto di Daniele Castaldi dalla seconda edizione) e Maria Chiara Cudillo (sostituita per motivi familiari in alcune puntate dall'avvocato Maria Gabriella Di Pentima) confermati anche nell'edizione rinnovata del programma.
(Da Wikipedia -L'Enciclopedia libera-)