26 maggio, 2016

Gli ultimi dei "cavallari" siciliani, Carmelo e Giuseppe Squadrito sono di Sant'Agata di Militello

Oggi leggiamo nelle prime pagine dei quotidiani cartacei e in quelli in rete, notizie di cronaca che certamente non fanno piacere. C'è di tutto: "Maltrattamenti a piccoli scolari", tanta cronaca politica, arresti, denunce, bande di rapinatori, dissesti idreogeologici, frane, automobili inghiottite da strade che franano, naufragi (i soliti con perdite di vite umane). Insomma disastri su disastri. Disastri provocati dalla cattiva gestione, dalla pessima politica, e pessima gestione del territorio. Ma ..... a pagina 8 de "L'osservatore d'Italia" leggo qualcosa che mi fa piacere da siciliano e santagatese (cittadino di adozione).
Riguarda due nostri concittadini. Nella pagina citata in "Cronaca dell'Italia" l'articolo a firma Vincenzo Giardino, porta questo titolo:
"Carmelo e Giuseppe Squadrito, gli ultimi dei cavallari: Una memoria storica apprezzata in tutta Italia tranne che a Sant'Agata di Militello".

25 maggio, 2016

Sant'Agata di Militello. La Commissione Antimafia nella Sede del Parco dei Nebrodi.

Palazzo Gentile - Sede del Parco dei Nebrodi di Sant'Agata di Militello (Me).
 Lunedì 23 Maggio 2016 la Commissione Parlamentare Antimafia, presieduta da Rosy Bindi e in presenza del vice-presidente Claudio Fava e dei componenti Stefania Prestigiacomo, Michele Giarrizzo, Beppe Lumia, Corradino Mineo, Francesco D'Uva, ed altri, ha ascoltato il Procuratore Capo, Guido Lo Forte, e i rappresentanti del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza, il presidente del Parco dei Nebrodi, Giuseppe Antoci, vittima del recente agguato che poteva costargli la vita. Successivamente, i componenti la commissione, nella saletta a piano terra, hanno tenuto una Conferenza per informare la stampa e i media del lavoro svolto. 

21 maggio, 2016

Manifestazione Antimafia a Sant'Agata di Militello. Diverse migliaia di partecipanti.


Migliaia di cittadini, molte Associazioni, Sindacati, Sindaci dei Nebrodi e della fascia Tirrenica, Studenti e alunni di tutte le scuole a Sant'Agata di Militello in provincia di Messina hanno manifestato solidarietà al Presidente del Parco dei Nebrodi, Giuseppe Antoci, vittima di attentato mafioso. Davanti alla sede del Commissariato di P.S. diretto dal vice questore, Daniele Manganaro, che ha diretto l'operazione, hanno gridato la loro riconoscenza nei confronti delle Forze dell'ordine, della Polizia e dei Carabinieri. La Manifestazione si è conclusa  alle spalle del Monumento ai Caduti, in Piazza Crispi davanti al Castello dei Principi Gallego.
Solo in questo videoclip, prodotto da cirosca per "L'Altra Informazione", potrete vedere e riconoscere la maggior parte dei partecipanti. Non tutti (erano diverse migliaia). Se vi riconoscete potrete poi dire: "Anch'io c'ero, anch'io con la mia presenza ho voluto fare qualcosa per una Sicilia migliore."

Il ministro dell'Interno Angelino Alfano in visita a Sant'Agata di Militello

Il ministro dell'Interno Angelino Alfano in visita a Sant'Agata di Militello (Me) nella sede del Parco dei Nebrodi. Ha voluto congratularsi con il Presidente del Parco, Giuseppe Antoci, per lo scampato pericolo. Parole di ringraziamento e stima ha avuto anche nei confronti del vice-questore, Daniele Manganaro e con gli uomini della Polizia di Stato del Commissariato di Sant'Agata Militello e quelli della scorta che hanno salvato la vita al Presidente Antoci. Anche il Presidente della Regione, Rosario Crocetta, è giunto in questa cittadina sul mar Tirreno, porta dei Nebrodi, assurta agli onori della cronaca nera perché è da qui che è partito il messaggio che ha fatto scattare il gesto inconsulto dei "mafiosi dei pascoli" e delle aree boschive del Paroo. L'intervista al Presidente Antoci e al Ministro Alfano che dichiara: "Saranno inviati 12 reparti speciali per dare man forte alla Polizia di Stato e ai Carabinieri. (cirosca)







19 maggio, 2016

Sant'Agata di Militello. Manifestazione e corteo di solidarietà per Antoci e gratitudine per gli agenti della scorta. Sabato mattina. Modificare il percorso?

Nella foto (archivio) l'attuale Sede principale del "Parco dei Nebrodi". E' qui che il Presidente Giuseppe Antoci, balzato agli onori della cronaca per essere stato l'obiettivo di un agguato, catalogato di origine mafiosa, nel quale poteva perdere la vita se, come abbiamo letto e sentito, l'intervento degli uomini della scorta, non avesse impedito il progettato omicidio che avrebbe sottratto alla sua famiglia, alla società civile e onesta, alla Sicilia e alla Nazione un uomo di spiccata intelligenza, moralità e capacità organizzative e di programmazione. Plaudo all'iniziativa programmata per sabato prossimo e che vedrà coinvolti, come da comunicato stampa diramato dal Sindaco di Sant'Agata Militello, Carmelo Sottile. Parteciperanno la  Fai Antiracket nazionale rappresentata dal Presidente Pippo Scandurra e Tano Grasso, tutti i Sindaci del comprensorio nebroideo. Si manifesterà piena solidarietà a Giuseppe Antoci, Presidente Parco dei Nebrodi e al dott. Daniele Manganaro,dirigente del Commissariato di Sant'Agata di Militello ed a tutti gli agenti della Polizia di Stato. Oltre a tutte le associazioni anti racket della Sicilia, parteciperanno le scuole e la società civile. Un corteo per manifestare solidarietà al vile attentato ,che partirà dalla sede del Parco dei Nebrodi , proseguirà per alcune vie della città con il passaggio nella strada dove risiede la sede del Commissariato P.S. di Sant'Agata e si concluderà in piazza Castello dove le maggiori istituzioni regionali e nazionali interverranno .
Ho evidenziato in "rosso" i luoghi di partenza e di arrivo perchè qualcosa non mi convince. Non si dovrebbe "partire" dalla Sede del Parco dei Nebrodi (ex Palazzo Gentile) ma è qui, in Piazza Duomo, davanti agli uffici diretti e gestiti dal Dr. Antoci, dove quotidianamente  lavora e si impegna per restituire alla Sicilia e al nostro territorio, dignità, legalità, cultura  e ricchezza prodotta dal turismo, che si dovrebbe concludere il corteo. 
E allora che facciamo, signor Sindaco, signor Assessore, signor Comandante della Polizia Municipale?
Riuniamo il Corteo e i partecipanti  in Piazza Crispi, di fronte al Municipio (sede istituzionale), modifichiamo il percorso, facciamo scendere il corteo dalla Via Roma (dove attualmente ha sede il Commissariato di P.S.), piccola sosta di qualche minuto di fronte agli uffici per rendere ringraziamento al Dr. Daniele Manganaro e agli uomini della scorta che hanno salvato la vita al Presidente Antoci. Proseguire sul lungomare passando sul tratto di strada franato a causa dei marosi, breve sosta anche qui davanti alle macerie per riflettere e agire, salire dalla Via Ztto e concludere il corteo davanti al portone del Palazzo Gentile. Dal balcone al primo piano d questo palazzo, il Presidente Antoci potrà ringraziare gli intervenuti.
Niente palcoscenici, niente passerelle, niente discorsi e interventi di politici e "affini". 
La "gente comune" ne ha piene le tasche e qualche altra cosa.
Occorre uno sforzo organizzativo per attuare il  mio suggerimento?
 Ma no!
 Basta fare una ordinanza immediata e interdire per 24 ore la sosta delle auto in tutto il tratto della strada che scende dal Palazzo verso la Via San Giuseppe e che costeggia la parte laterale del Duomo. Troppo difficile per questa Amministrazione la mia proposta? La mancata modifica del percorso di partenza e arrivo sarà giustificata da "motivi" quanto meno "puerili"?
Mettete subito gli avvisi di rimozione delle auto in sosta in questo tratto e con rimozione forzata in caso di inosservanza.


18 maggio, 2016

L'attentato alla vita del Presidente del Parco dei Nebrodi, Giuseppe Antoci, motivo di riflessione e di azioni concrete e mirate nella e sulla cultura del territorio..

Era un mio preciso dovere quello di partecipare all'incontro, al Castello Gallego, in occasione della Manifestazione che rientrava nel Maggio dei Libri con la presentazione del libro "Cento passi ancora ..." di Salvo Sottile. 
Ho videoregistrato le parti "salienti" dell'incontro ma ho indirizzato con più attenzione la videocamera quando al microfono sono intervenuti il Presidente Giuseppe Antoci e il vice-Questore Daniele Manganaro. Conoscevo in parte il contenuto dei loro interventi, che vi ripropongo, anche se l'audio per un'amplificazione non molto adeguata, ha lasciato a desiderare e ve ne chiedo scusa.
 Ho riproposto il servizio trasformando la "e" congiunzione in "è" voce del verbo essere e così nessuno si sarà accorto che volevo significare che "Informazione e libertà" non è la stessa cosa di dire (traducendo la frase in dialetto siciliano) "Informazioni "eni" libirtà". Molti o pochi avranno capito che solo attraverso una corretta informazione (corretta non grammaticalmente) ma coscienziosa vuol dire "formare". E a formare le "nuove generazioni", soprattutto quelle che vivono in zone e situazioni di disagio o disagiate, dovrebbe farlo la scuola e lo Stato con la "S" maiuscola. (Clicca su "Leggi tutto" per continuare e visionare il video)

17 maggio, 2016

Sant'Agata di Militello. L'asino volante utilzzato per traghettamento ponte-ingresso al Castello Gallego. Un "fallimento"?

L'asino volante è atterrato davanti al portone del Castello Gallego di Sant'Agata Militello. 
E' pronto ad offrire la sua schiena o il suo groppone per fare attraversare "indenni", in entrata e in uscita, ai visitatori il pseudo ponte levatoio del Castello.
 Il problema, anzi i problemi, sono tanti. 
Non sempre l'asino è in sosta davanti alla pedana in legno (consunta) e che costituisce pericolo per coloro che vogliono attraversarla a piedi.
 Pertanto, per l'eventuale asino-trasporto all'interno del castello, nel caso non fosse in sosta davanti ai vasi in terracotta o lateralmente, basta pigiare un pulsante posto sul lato destro del portone (se ci arrivate e non inciampate prima) e, in un batter d'occhio, sarà pronto al "servizio di trasporto" del tutto gratuito. Non sta evidentemente riscuotendo molti su-ccessi. Poteva andar bene per il trasporto di singoli visitatori; ma in caso di manifestazioni o incontri nella "Sala dei Principi" per convegni, manifestazioni, presentazione di libri? L'ultima tenutasi giorni addietro per il "Maggio dei libri", e se ne terranno altri in questo mese, ha fatto correre notevoli pericoli ai partecipanti. E schermare l'ingresso alla "maledetta e consunta pedana" con dei vasi non basta.
Ho voluto vederci chiaro su tanto ritardo nel porre rimedio a siffatta situazione che si trascina da circa 8 mesi e forse più.
 Di chi la colpa? (Per continuare a leggere clicca su "Leggi tutto")

16 maggio, 2016

Sant'Agata di Militello. Il Porto dei Nebrodi. Ritardi nell'inizio dei lavori di completamento e la difesa del lungomare santagatese.

Essere sinceramente preoccupati del ritardo nell'inizio dei lavori di completamento del porto e la preventiva difesa della costa, del nostro litorale e lungomare del centro abitato è solo fissazione o anticipazione di quello che potrebbe succedere dopo i primi segnali? Lo sono ancor di più, e lo sono alcuni lettori del mio blog e della mia pagina su FB, dopo aver visto oggi (16 maggio 2016) il servizio trasmesso dal TG3 e che ho in parte estrapolato e vi ripropongo.

 

Il Porto di Amantea. E quello di Sant'Agata M from Ciro Scaglione

Il Porto dei Nebrodi ovvero quello di Sant'Agata di Militello (Me-Sicily) produrrà gli stessi danni di quelli che il Porto di Amantea  (Calabria) ha prodotto nella città di Nocera e dintorni? Le prime due avvisaglie (Villa Falcone e Borsellino) e Lungomare Viale della Regione Siciliana (Di fronte alla Villa Bianco), le abbiamo già avute. Mettere in sicurezza questo tratto di spiaggia e questo tratto d strada è urgente, improrogabile e non più rinviabile. Il completamento del braccio di sottoflutto e la relativa banchina, ancor di più. Il servizio trasmesso all'interno del TG3 della RAI per fare riflettere tutti (Politici e abitanti della fascia costiera).


15 maggio, 2016

Sant'Agata di Militello - Castello Gallego. "Giornalismo e impegno civile". Mario Francese, Peppino Impastato

Per il Maggio dei Libri. Al Castello Gallego di Sant'Agata Militello.
"Informazione e Libertà": Giornalismo e impegno civile nelle esperienze di Mario Francese e Peppino Impastato.
Sono intervenuti:
Giulio Francese - Giornalista;
Salvo Vitale - Autore di "Cento passi ancora";
Salvo Presti - Autore e regista  - Moderatore del convegno.







14 maggio, 2016

Sant'Agata di Militello. Palazzo degli Uffici Comunali. Buone intenzioni lastricate di difficoltà. Incapacità o altro? Ricordare per rimediare.

Leggo proprio oggi, che anche i vigili,  o meglio la Polizia Municipale, è "senza casa". Sfrattati poichè  l'edificio (di proprietà comunale) che li ha finora ospitato (vedi foto), a causa di infiltrazioni d'acqua dal tetto, la cui manutenzione e impermeabilizzazione  non è stata mai effettuata o male effettuata, sta producendo ed ha prodotto la caduta di calcinacci dal soffitto. Non analizzo le cause o i motivi per i quali questa proprietà comunale  si è ridotta in questo stato. Nessuno però ne parla e scrive.
E allora ricordare per rimediare sarebbe utile e necessario. Segue quello che ho pubblicato sul "Palazzo dei servizi" (altra nota dolente del nostro comune e dei nostri amministratori). Ricordo a me stesso e ai signori amministratori che disponiamo dell'edificio adibito a "Palazzo di Giustizia" ex Pretura ed ex Caserma dei Carabinieri in Via Cosenz. Esiste anche uno "studio" e un "programma", non "crono",  per il trasferimento di alcuni degli uffici municipali in questa proprietà comunale , ma tutto a  riposo, tutto in letargo. "E vui durmiti ancora ......." canzone siciliana il cui titolo non ricordo.
Intanto, mentre gli "altri" dormono, facciamo un "ripasso di memoria" attraverso questo "inutile Blog".
Scrivevo (esattamente un anno fa):

14 Maggio 2015
Ricordare o rileggere ciò che è stato scritto su questo Blog potrebbe tornare utile per aprire le menti, la coscienza dei nostri amministratori del passato, del presente e del futuro. Ho più volte "sollecitato" e consigliato il trasferimento in locali più adatti, funzionali e "controllati" alcuni uffici comunali.
Si permetterebbe, oltretutto, a dirigenti, responsabili di settore e dipendenti in genere di poter lavorare serenamente e con maggior produttività. Pare che un primo passo si stia facendo, almeno così mi ha assicurato l'Assessore Giuseppe Puleo. Se non ho capito o letto male, verrà mandato "in appalto" il trasferimento di alcuni uffici da strutture in affitto da privati, all'ex sede del "Palazzo di Giustizia" in Via Cosenz, di proprietà comunale. Ora rileggiamo quanto avevo pubblicato esattamente due anni fa e vi invito anche a rileggere alcuni altri "post" cliccando sui link in coda e che voglio sperare funzionino.
(continua a leggere cliccando su "Leggi tutto")

12 maggio, 2016

Sant'Agata Militello. PRG (Piano Regolatore Generale)- Problemi, preoccupazioni, disastri ambientali e non. Discutiamone, risolviamoli


Sant'Agata Militello. PRG (Piano Regolatore Generale)- Problemi, preoccupazioni, disastri ambientali e non.
Discutiamone, risolviamoli.
 Ma la nostra politica (santagatese) sa solo criticare l'avversario e non vuole risolverli (i problemi), grandi o piccoli che siano.
Ed ecco che il Commissario Montalbano che si occupa solo di delitti umani e non ambientali, qui nel nostro comune, avrebbe esclamato: "Mi sono rotto i cabbasisi!".
Il Blogger, titolare di questa testata (non giornalistica), invece, ha una pazienza infinita ed ogni tanto, servendosi del suo Blog che è "L'Altra Informazione" fa un piccolo "rewind" e rilegge qualcosa di quanto ha scritto o hanno scritto alcune testate giornalistiche cartacee e sul WEB.
E così proprio ieri 11 maggio 2016 leggo sul WEB che  i consiglieri (di opposizione e di maggioranza) Achille Befumo,  Andrea Barone, Salvatore Sanna e Domenico Barbuzza, sono i firmatari di una interrogazione nella quale chiedono:
 "Che fine ha fatto il PIANO REGOLATORE GENERALE?" e scrivono:  “L’approvazione del nuovo PRG è stato il punto saliente del programma elettorale del Sindaco Sottile , Dopo tre anni di mandato è opportuno conoscere e valutare le azioni intraprese dall’amministrazione sul punto, quali provvedimenti e iniziative sono stati adottati dall’Amministrazione in materia di PRG e quali provvedimenti intende adottare nel futuro , o quali azioni intende intraprendere, per consentire l’approvazione dello schema di massima”. 
Oggi, me "tapino" (Misero, infelice, tribolato) ma sono in buona compagnia di politici, amministratori e tecnici, mi sono documentato e riletto qualcosa della "copiosa letteratura o cronaca" in materia. Se lo avessero fatto anche tutti loro, compreso il sindaco, forse non sarebbe partita l'interrogazione e la stessa o le stesse domande l'avrebbero dovuto rivolgere a chi, meglio di Sottile, avrebbe saputo e potuto rispondere, meglio e chiarendo alcune situazioni, avvenimenti e provvedimenti che, a mio avviso, molto chiari non sono. E non lo sono se consideriamo che la Regione e forse anche qualche Istituzione ha chiesto o è intervenuta per segnalare, diffidare, ecc. (continua a leggere cliccando su "Leggi tutto"

11 maggio, 2016

Anche Torrenova ha ottenuto dai Fondi Europei della Pesca tramite il GAC un "gruzzoletto" da spendere per il Turismo


Sagra del pesce azzurro anno 2008 (?) - Foto d'archivio
Una precisazione per "U zzu Caloriu" e quanti vogliano cercare di capirci qualcosa in merito a sigle (FEP - GAC, ecc.)
Il Fondo europeo per la pesca (FEP) è lo strumento finanziario dell'Unione europea relativo al settore della pesca valido per il periodo 1° gennaio 2007-31 dicembre 2013.
Lo scopo del FEP è garantire, nei 27 Paesi Membri della UE, la sostenibilità economica, ambientale e sociale del settore pesca e acquacoltura, al fine di ridurre lo sforzo di pesca e proteggere l'ambiente marino.


Il Gruppo di Azione Costiera “Costa dei Nebrodi” opera nell’ambito dell’approccio F.E.P. e attua progetti di sviluppo e gestione finanziamenti rivolti agli operatori della pesca. Si mira a realizzare un percorso di sviluppo per trasformare il tratto di Costa in un territorio d’eccellenza, in grado di proporre, ad una sempre più ampia tipologia di utenza, una offerta turistica destagionalizzata e di qualità, capace di integrare nel flusso turistico anche altri prodotti e servizi che caratterizzano i luoghi.
*** Il vero problema della Sicilia, e quindi di quasi tutti i comuni, è sempre stato quello della mancata volontà di fare "rete", di saper scegliere il personale preparato a intercettare  e programmare, una volta intercettati, i finanziamenti che ci vengono messi a disposizione dal Comunità Europea (e che poi stringi, stringi, sono i nostri soldi, i soldi dei contribuenti e quindi anche degli Italiani e dei Siciliani, che in parte ci vengono restituiti). A proposito di restituzione molti finanziamenti, ottenuti sulla carta, vengono poi restituiti all'UE poichè, in tempo utile, non siamo stati capaci (non lo sono stati i nostri politici e i nostri funzionari e dirigenti)  di programmare e spenderli in maniera utile e oculata).
 Ma questo è un altro discorso che pochissima stampa e pochi giornalisti hanno affrontato e reso noto in maniera "assordante". Fatta questa necessaria premessa vorrei chiudere, perora, con il comune di Torrenova, nostro confinante e vicino. Come sono stati affrontati a Torrenova la redazione e il computo metrico da mandare in bando per la fornitura del materiale e spendere (bene o male) il finanziamento ottenuto?
Torrenova, almeno sulla carta, lo ha affrontato così:

10 maggio, 2016

I comuni aderenti al G.A.C. ottengono finanziamenti Europei F.E.P. - Capo D'Orlando riqualificherà il Lungomare Ligabue-Trazzera Marina

Per la "Valorizzazione e riqualificazione con finalità turistica, sportiva, sociale e ricreativa del lungomare", Capo D'Orlando che ha ottenuto un finanziamento dello stesso valore del comune di Sant'Agata Militello,  ha chiesto per il prolungamento della Lungomare Ligabue nel tratto Trazzera Marina, il seguente materiale:

- N. 30 Panchine in ghisa con sedute e spalliera in doghe in legno massello (cadauna 450,00 euro) per complessive euro  13.500,00
- N. 25 fiorere da esterno in cemento armato (cad. euro 120,00) e un totale di euro 3.000,00
- N. 950 staccionate in legno per complessivi  euro 13.300,00
- N. 2 Altalene a due posti per complessivi euro 1600,00
- N. 3 giochi a molla per compl. euro 1.650,00
- N. 4 fioriere per euro 1.136,00
- N. 3 Rastrelliere portabici per complessivi
 euro 1.800,00
(Continua a leggere cliccando su "Leggi tutto")

Sant'Agata Militello e i comuni aderenti al G.A.C. ottengono finanziamenti Europei F.E.P..- Le scelte e la programmazione di acquisto di alcuni comuni.

Oltre i "famosi" cestini, già citati, grazie al finanziamento ottenuto dalla "Comunità Europea" di circa 90.000 euro, il nostro Comune (Sant'Agata di Militello)  per la  "Valorizzazione e riqualificazione con finalità turistica, sportiva, sociale e ricreativa del lungomare", ha chiesto :
Fornitura di Gazebi mobili, Fornitura di Gazebi mobili, di panchine, Attrezzi ginnici, Rastrelliere porta bici,  passerelle in legno, 

(Continua a leggere cliccando su "Leggi tutto")


09 maggio, 2016

Le scelte, la programmazione, i finanziamenti, le gare per la fornitura. Sant'Agata Militello e i comuni aderenti al G.A.C. ottengono finanziamenti Europei F.E.P..

Il  G.A.C. (Gruppo di Azione Costiera “Costa dei Nebrodi”) del quale fanno parte i seguenti comuni: 
Sant'Agata di Militello. Torrenova, Brolo, Tusa,  Motta d'Affermo, Capo d'Orlando, Naso, Acquedolci, Reitano, Santo Stefano di Camastra, Caronia, 
riesce a intercettare un finanziamento Europeo F.E.P. (Fondo Europeo Pesca) 2007/2013 per l'attuazione di progetti di sviluppo e gestione per la pesca e il turismo.
Può capitare però, a volte, che alcune richieste, fatte affrettatamente e senza una preventiva programmazione, possano portare a risultati non voluti, privi di efficacia e soggetti a critiche e malumori.
Il nostro Comune (Sant'Agata di Militello riesce ad aggiudicarsi un finanziamento di Euro   90.000 (novantamila) per la  "Valorizzazione e riqualificazione con finalità turistica, sportiva, sociale e ricreativa del lungomare". La gara svoltasi il 21 dicembre 2015, così come quelle per la fornitura a quasi tutti i comuni finanziati, riesce ad aggiudicarsela la Ditta INTERGREEN SRL con sede in via Libertà di San Cataldo (Caltanissetta).

06 maggio, 2016

Sant'Agata di Militello. Taglio dell'erba e pulizia dei viali nella villa Falcone e Borsellino



Taglio dell'erba e pulizia dei viali nella villa Falcone e Borsellino di Sant'Agata Militello.  
(Altra foto, didascalie e notizie se clicchi su "Leggi tutto")




A Sant'Agata Militello. Rifiuti, povertà e altro. Donna fruga fra i rifiuti in cerca di cibo.

Osserviamo attentamente questa foto scattata col teleobiettivo a notevole distanza.
 Da vicino mi sarebbe stato impossibile perché avrei insospettito il soggetto che fruga trai rifiuti.


(Continua a leggere e a guardare altre foto cliccando su "Leggi tutto")
)


04 maggio, 2016

Cestini alla Villa Falcone e Borsellino di Sant'Agata Militello. Differenziata e ci differenziamo !

Sant'Agata di Militello.
Mi trovavo solo per caso, in quell'ora, in quella data (il 29 Aprile 2016), nella Villa Falcone e Borsellino, mentre un dipendente comunale (Nino Virzì), stava installando i cestini per la raccolta differenziata. 
Qualche attimo di sosta e di riflessione e tante domande.
 Certamente la progettazione e la scelta di questo tipo di cestino non è stata delle migliori. — presso Villa Falcone e Borsellino.


(Continua a leggere cliccando su "Leggi tutto". Troverai anche alcuni commenti dei lettori di Facebook e tante altre foto da ingrandire)






01 maggio, 2016

Il Porto dei Nebrodi di Sant'Agata Militello. Una telenovela? Si completerà?

Oggi 1° Maggio, festa del lavoro e dei lavoratori. Mentre scorrono sul mio TV le immagini e il suono del "Concertone" organizzato a Roma, faccio anche scorrere sul mio pc il video assemblato alcuni minuti fa con le belle foto del Porto dei Nebrodi  e rifletto. Una attenta riflessione dovrebbero farla anche i miei concittadini attenendosi ai fatti e alla cronaca (che diventerà storia negativa del nostro comune). Anche i politici e le istituzioni tutte dovrebbe riflettere sul "caso". Ma "loro" non hanno tempo per farlo. E mentre nell'antica Roma per non far riflettere i cittadini si dava loro "Panem et circenses" (letteralmente: Pane e giochi - circenses -) nella Roma moderna e in tutta Italia ci stanno togliendo "il pane", il "lavoro" a chi ce l'ha, e ai giovani e forse anche a qualche pensionato offrono i "concerti" (per farli divertire e dimenticare i problemi) e la TV di Stato e non solo quella "le balle di Renzi & Company. Ma passiamo al "conquibus" (al denaro che spesso si trasforma non i lavoro, prosperità, ricchezza, ma qualcosa d'altro che diventa lavoro e crea problemi ad alcune Istituzioni della Stato).
 Il Porto dei Nebrodi di Sant'Agata Militello. E' diventato una telenovela? Le belle foto-riprese del Porto potrete visualizzarle a schermo intero, se potete e volete). Anche alcuni articoli della giornalista Cinzia Scaglione pubblicati sul Giornale di Sicilia, dovrebbero indurre alla riflessione.
Intanto, e dopo otto anni, dall'inizio della "storia Porto", interviene la Magistratura del Tribunale di Patti. Probabilmente la gara d'appalto è stata irregolare. Quindi: "Avviso di chiusura indagine e nove indagati". L'appalto per il completamento del Porto era stato vinto dalla Si.Gen.Co.e successivamente assegnato alla Cogip. La domanda del comune cittadino è: "L'assegnazione dell'appalto, con gli opportuni provvedimenti, stante l'attuale situazione, può essere annullato e assegnato alla seconda in graduatoria (Società Italiana per Condotte d'Acqua S.p.A.) o si dovrà rifare la gara? Occorre far presto. Il danno economico è ingente e se non si provvede con urgenza a completare il molo, ulteriori ne subirà la città di Sant'Agata Militello. Chi pagherà? Forse Pirandello potrebbe aver avuto ragione anche in questo caso (Uno, nessuno e centomila). Otto anni persi! Al danno la beffa! Capo D'Orlando il prossimo anno completerà il suo porto.



Da visualizzare, se possibile, a "Schermo intero" o direttamente da YouTube.