30 settembre, 2009

Sant'Agata di Militello. Consiglio comunale, libertà di informazione, rispetto degli elettori e dei cittadini. (Per leggere i commenti clicca qui.)

Mi dispiace "bruciare" (si dice così in gergo giornalistico) il post precedente che stava andando bene e colpiva (me ne accorgo dal numero delle visite) l'interesse dei lettori, ma questo argomento ha la priorità e comprenderete il perchè leggendo e guardando il video.

C'è qualcosa che non va, io so cos'è (o presumo di saperlo) ma vorrei, come il filosofo Socrate, "far partorire la verità" (mi pare la chiamasse "maieutica" quest'arte o metodo che sia) direttamente alle persone interessate che dovrebbero provvedere con urgenza, a non fare allontanare ulteriormente gli elettori-cittadini e sopratutto i giovani dalla politica. Ieri sera alle ore 18 Consiglio comunale. Moderato dal presidente Andrea Barone che, pur giovane, è riuscito a mettere a frutto in maniera egregia la passata esperienza politica che lo ha visto impegnato come Assessore.
Sedie riservate al pubblico e alla stampa quasi vuote. In questo paese nessuno vuole più seguire la politica e le decisioni che vengono prese in sede di consiglio.
Alle sedie vuote mi sono ormai abituato ma..... agli interventi di qualche consigliere ancora no. La volta scorsa ho disertato, per motivi validi, la seduta. Quello che mi è stato riferito, che ho letto sui quotidiani e sui Blog locali mi ha lasciato perplesso. Ieri sera, però, in fatto di "trasparenza", comunicazione alle masse e ai giovani elettori, si è raggiunto il "massimo". Stavo riprendendo, come sempre ho fatto, con la mia piccola telecamera, alcune fasi del consiglio quando un consigliere (che in passato aveva ostentato di essere stato contaggiato da sani principi di trasparenza, correttezza, imparzialità e rispetto verso i cittadini- elettori), accortosi che stavo registrando alcuni interventi dei consiglieri di minoranza, compreso le risposte del Sindaco, ha chiesto al Presidente Andrea Barone se ero stato autorizzato ad effettuare le riprese. La cosa mi ha stranizzato e nello stesso tempo mi ha fatto riflettere e in un prossimo "post" vi dirò il perchè. Ho avanzato formale richiesta verbale al Presidente Barone che mi ha "autorizzato" a continuare le riprese nelle more di una più attenta valutazione da parte dei capi-gruppo consiliari e di una revisione di alcuni regolamenti che disciplinano il civico consesso. Per ringraziare il presidente Barone, per la sua apertura, per la sua signorilità, ho preferito chiudere la telecamera e non continuare a registrare anche se autorizzato. L'ultima scena registrata è stata quella che vede coinvolto il consigliere Amata e che non ho inserito in rete in quanto ritengo si tratti del pensiero del singolo e non di tutti i consiglieri.
Ho sempre cercato di essere imparziale, di fornire ai miei concittadini che leggono il Blog, agli stessi consiglieri e assessori, un servizio gratuito non politicizzato, senza chiedere favori o ricompense e senza scopo di lucro. Sono stato e sono l'amico di tutti coloro che si occupano di politica. Se richiesto ho cercato di consigliare al meglio e di far risolvere i piccoli problemi (viabilità, degrado ambientale, ecc.) che attanagliano la nostra cittadina. In alcuni casi ci sono riuscito. Sono rammaricato per il comportamento di Amata, che spero tutti vorranno "stigmatizzare" . Spero di avere la solidarietà da parte degli estensori degli altri Blog santagatesi. Tra l'altro, anche questi ultimi sarebbero stati "maltrattati" dallo stesso consiliere Amata.
Ora, per chi ha voglia di vedere la sintesi della parte iniziale del consiglio comunale, deve cliccare sul simbolo "Play" del video. Mi scuso per l'audio (assente) ma voglio iniziare così una mia protesta che credo sarà accettata e compresa da tutti i lettori del Blog.

Sotto, per chi ha voglia di leggere, l' O.D.G. con i punti trattati nel consiglio di ieri sera:
1.
Interrogazione dei Consiglieri comunali di minoranza Puleo, Maniaci, Indriolo, Blandi e Carrabotta in merito al
criterio utilizzato per asfaltare le strade;
2. Interrogazione dei Consiglieri comunali di minoranza Puleo, Maniaci, Indriolo, Blandi e Carrabotta sulla distribuzione e gestione del gas metano;
3. Interrogazione dei Consiglieri comunali di minoranza Maniaci e Puleo sulle alienazioni delle aree comunali inedificate;
4. Interrogazione dei Consiglieri comunali di minoranza Maniaci, Puleo, Indriolo, Carrabotta e Blandi sulla localizzazione del Mercato settimanale;
5. Interrogazione dei Consiglieri comunali di minoranza Puleo, Indriolo, Maniaci, Carrabotta e Blandi sulla futura fruizione della Circonvallazione;
6. Interrogazione dei Consiglieri comunali di minoranza Puleo, Maniaci, Indriolo, Carrabotta e Blandi in merito all’individuazione di locali per i Gruppi Consiliari;
7. Interrogazione del Consigliere comunale di “Unione di Centro” Calogero Maniaci sul servizio di svuotamento e pulizia a fondo dei pozzetti, caditoie e delle griglie stradali da parte dell’ATO ME 1 Spa;
8. Interrogazione del Consigliere comunale di “Unione di Centro” Calogero Maniaci sulle condizioni di sicurezza della circonvallazione;
9. Lettura ed approvazione verbali sedute del 22/07- 04/08/2009;
10. Variazione Bilancio di Previsione Es. Fin. 2009 – 4° Settore. Finanziamento regionale per lavori di completamento Chiesa;
11. Variazione Bilancio di Previsione Es. Fin. 2009 – Intersettore;
12. Variazione Bilancio di Previsione Es. Fin. 2009 – 2° Settore;
13. Variazione Bilancio di Previsione Es. Fin. 2009 – Polizia Municipale;
14. Variazione Bilancio di Previsione Es. Fin. 2009 – 2° Settore;
15. Variazione Bilancio di Previsione Es. Fin. 2009 – 4° Settore – Contributo della Provincia reg.le di Messina;
16. Variazione Bilancio di Previsione Es. Fin. 2009 – Applicazione avanzo d’amministrazione disponibile anno 2008;
17. Salvaguardia equilibri di Bilancio di Previsione Esercizio Finanziario 2009.

29 settembre, 2009

Sant'Agata di Militello. Circonvallazione. Le segnalazioni dei lettori del Blog


il giorno 29 settembre 2009 13.24, info segnalazioni ha scritto:
per l'Assessore alla viabilità
E' un parcheggio ( 9 autovetture e 2 ciclomotori ) o un incrocio con corsie di canalizzazione?
ci vuole la rotonda subito!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!.



Commenti:
Anonimo ha detto...
Pazzesco... Questa è una circonvallazione!! Non un parcheggio..!
29 settembre, 2009 21:44
Anonimo ha detto...

mettiamoci d'accordo, la circonvallazione è chiusa o è aperta, se è chiusa, va benissimo che venga usata come parcheggio cosi come si usava prima, almeno si impedisce il transito con meno pericolo, la ruotatoria poi siete sicuri che sia meno pericolosa di una corretta segnaletica ? credoche comunque è importante he noi automobilisti imparassimo a rispettare prima noi stessi e poi gli altri.

alexio92 ha detto...

quello ke ho sempre detto io.... CI VUOLE LA
--> R O T O N D A <--!!!!!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

complimenti a info.segnalazioni che ha posto il problema e a chi di dovere "Assessore" che subito è intervenuto. Infatti sono spuntati i new jersey per limitare le zone spartitraffico ed evitare il posteggio selvaggio. Purtroppo dispiace che in questo Paese per far rispettare le regole bisogna intervenire con metodi duri, non sono bastate le strisce per far capire che non si posteggia e non si attraversa tagliando la strada.

Un fiero santagatese ha detto...

Il problema sono i parcheggi ma non solo, quella strada è altamente pericolosa. La quantità di transito di auto vetture e veramente altissimo, per lo più al nei minuti di ingresso ed uscita degli alunni del liceo il pericolo aumenta vertiginosamente, con le macchine parcheggiate dei genitori che attendono i propri figli, che occupano un intera carreggiata, i mezzi pesanti che salgono e si sentono padroni della strada, e qui si trova a muoversi verso il centro, oltre a fare code per decine e decine di minuti, deve stare attento a non mettersi qualche ragazzino sotto la macchina, perchè sino ad oggi nessuno a pensato di mettere in sicurezza quella strada.
Tutto ciò quando non piove!!! Altrimenti e un vero e proprio imbuto di macchine e persone che che non sanno come muoversi.
In conclusione il mio parere e che bisognerebbe allargare la strada, sul lato palermo, creare un parcheggio abbastanza capiente, e credo che sia fattibile sempre sul lato palermo, e creare dei marciapiedi dopo possono tranquillamente camminare i pedoni magari con qualche tettoia per potersi riparare per quando piove.

Poi ci sarebbe da continuare con l'incrocio al di sotto della posta, ma quella è un'altra storia.

Un fiero santagatese.

Anonimo ha detto...

E' pericolosa l'incrocio dello scientifico e salendo per c/da minà! Ci vuole il semaforo. La rotonda non serve a niente. Anzi aumenta ancora di + il rischio di incidenti e si crea più confusione


28 settembre, 2009

Sant'Agata di Militello. Gli operai del Comune continuano la manutenzione e pulizia del verde. Ora è la volta del piazzale della Stazione Ferroviaria.

Proseguono i lavori di pulizia e manutenzione del verde pubblico cittadino. Dopo il piazzale o meglio la scalinata dell'Uffico Postale della cui incuria ci eravamo occupati nel Blog è ora la volta del piazzale della Stazione Ferroviaria.
Ecco come si presentava il 23 Agosto (vedi la prima foto).
Anche questa situazione di degrado era stata segnalata nei nostri Blog a seguito della segnalazione dei tre taxisti

(Serafino, Scurria, Morgano, nella foto).


Le operazioni di potatura, di manutenzione e pulizia, mostrano adesso una situazione più accettabile e gradevole.
Peccato che questa stessa manutenzione non sia stata fatta prima dell'arrivo della stagione estiva e quindi dei turisti. Ciò è dipeso anche dal fatto che eravamo in piena campagna elettorale ed i politici e gli addetti ai lavori erano in tutt'altre faccende affacendati.









Ho telefonicamente contattato l'assessore Calogero Pedalà (nella foto a destra) per ringraziarlo e mi ha assicurato che si procederà di pari passo attenzionando con gradualità tutte le situazioni di degrado urbano ed extra-urbano.
Nella foto qui sotto, invece, c'è uno dei tre operai del Comune che sta provvedemdo a "potare" gli alberi a dimora nella parte lato mare del piazzale. A lavori ultimati, e dopo aver anche ripristinato la segnaletica orizzontale e verticale, probabilmente, per i viaggiatori in arrivo e in partenza da Sant'Agata Militello, questo spazio a disposizione risulterà sicuramente più gradevole alla vista e all'olfatto.

27 settembre, 2009

Sant'Agata di Militello. Riaperto il cancello dell'Ufficio Postale di piazza Speciale.

E’ stata al centro di lamentele, proteste e persino di un’interrogazione consiliare. Si tratta della scalinata centrale che si affaccia sulla piazza Andrea Speciale e che fino a poco tempo fa rappresentava la via di acceso principale dell’ufficio postale di via Goldoni. Per diversi mesi è rimasta piena di erbacce e ostruita dal tronco di un albero abbattutosi sulla stessa durante una giornata di maltempo. La mancata manutenzione aveva spinto la direzione dell’Ente Poste a chiudere permanentemente il cancello situato alla fine della gradinata. Da ieri mattina, però, la scalinata è nuovamente fruibile. La chiusura, a suo tempo, aveva scatenato una serie di polemiche, in quanto l’unico cancello aperto al pubblico era quello posizionato in via Goldoni, una stradina che si trova al termine di una piccola salita e che è caratterizzata dalla presenza di due palazzine. In particolare, i residenti di questa via sono stati costretti a convivere con una situazione di caos per la costante presenza di autovetture parcheggiate a ridosso dell’ingresso, spesso lasciate anche in doppia fila. Disagi anche per le persone anziane, che preferivano salire la gradinata centrale invece di allungare il proprio percorso per raggiungere l’ufficio postale attraverso la salita di via Goldoni. Intanto, la scalinata continuava a versare in completo stato di abbandono, ricoperta da erbacce e ostruita dal tronco di un albero a dimora nello spazio verde adiacente. Ente Poste e Comune, nel contempo, erano protagonisti di un rimbalzo di competenze in merito agli interventi di pulizia e manutenzione da effettuare. Gli abitanti del quartiere, stanchi di aspettare, avevano deciso di avviare una raccolta di firme. Poi, il consigliere comunale di minoranza Calogero Maniaci (capo gruppo Udc), ha presentato un’interrogazione per capire chi avrebbe dovuto eseguire i lavori di bonifica e chiedendo all’amministrazione comunale di attivarsi quanto prima. Qualche giorno fa, il Comune ha attuato i lavori di pulizia e sistemazione del verde. E ieri mattina, dopo mesi di attesa, è stato finalmente riaperto il cancello centrale dell’ufficio postale.
------------------
Il direttore dell'Ufficio Postale Centrale: "Gli scalini sono danneggiati in diversi punti".
“A seguito della presentazione dell’interrogazione consiliare – spiega il direttore dell’ufficio postale, Salvatore Torre – è stato effettuato un lavoro di accertamento delle competenze in riferimento alla manutenzione della scalinata. Alla fine, è saltato fuori un vecchio documento in base al quale risultava che l’area che comprende la scalinata era stata ceduta dal proprietario del terreno al Comune”. Così, qualche giorno fa, la gradinata è stata pulita e liberata dal tronco d’albero. Tuttavia, gli scalini risultano danneggiati in diversi punti, piccoli cedimenti di cemento che evidenziano anche il sottostante sostegno in ferro. E’ necessario, dunque, effettuare un intervento di manutenzione e la “competenza” – adesso è certo – è del Comune.
Cinzia Scaglione

Sant'Agata di Militello. Ospedale, sopralluogo della commissione tecnica del Genio Civile. Probabilmente, a breve, riprenderanno i lavori .

Sono fermi ormai da mesi (dallo scorso aprile) i lavori di ristrutturazione e adeguamento sismico dell’ospedale, situato in via Medici. Una sospensione che ha creato non poche preoccupazioni tra il personale medico e gli operatori, nonché gli utenti del distretto sanitario, sebbene la direzione sanitaria avesse riferito che si trattava solo di una sospensione temporanea, in attesa dell’approvazione, da parte del Genio civile, del progetto di variante riguardante la modifica dell’abbattimento dei piani. Ricordiamo, infatti, che il progetto originario prevedeva la demolizione di due piani del plesso vecchio dell’ospedale. Ma, l’azienda sanitaria ha poi fatto marcia indietro a seguito della forte protesta messa in atto lo scorso anno dai sindaci del comprensorio, le organizzazioni sindacali, un gruppo di medici e di cittadini e dopo numerosi incontri tra le parti e indagini strutturali eseguite da una ditta specializzata. Ed ha accettato la proposta formulata dall’equipe di esperti incaricati dai sindaci, ovvero quella di abbattere soltanto un piano per non eliminare possibilità logistiche di attuazione dell’atto aziendale e, contestualmente, di potenziamento e istituzione di nuovi servizi. L’ultimo piano è stato demolito, ma l’intervento di ristrutturazione deve essere ancora ultimato. La variante ha comportato nuovi calcoli statici ed una nuova ricognizione delle risorse economiche a disposizione. Nell’attesa dell’approvazione del progetto di revisione, la ditta ha smontato parti del ponteggio perché aveva la necessità temporanea di portarle in un altro cantiere. Venerdì scorso, finalmente, è stato effettuato un sopralluogo da parte della Commissione tecnica del Genio civile di Messina, alla presenza del direttore dei lavori Massimo Famulari. L’esito della verifica sembra essere positivo. A breve, dunque, si dovrebbe concludere l’iter burocratico, con conseguente riattivazione del cantiere.

Cinzia Scaglione

26 settembre, 2009

Sant'Agata di Militello. Approvato dalla Giunta un avviso pubblio per reperire un immobile da adibire a Palazzo dei servizi.

Approvato dalla Giunta comunale un avviso pubblico per reperire un immobile da adibire a Palazzo dei servizi. La struttura comunale è , infatti, articolata in diversi plessi, con conseguenti disagi anche nella gestione del personale. L’Ente, per canoni di affitto, paga circa 90 mila euro all’anno. Oltre all’edificio principale situato in via Medici, proprio di fronte piazza Crispi, vi è quello retrostante, Palazzo Faraci, che ospita gli uffici dell’area tecnica. Inoltre, sedi dislocate in via Roma (Urp, ufficio Gare, protezione civile), in piazza Di Paola (Pit 21 e ufficio Commercio) e presso Palazzo “Perdichizzi” (situato tra piazza Crispi e via Roma – uffici Spettacolo, Servizi sociali, Personale). Complessivamente, lavorano al Comune 128 unità di ruolo, oltre a 93 lavoratori “contrattisti” e una settantina di Asu-Lsu. “Cerchiamo un immobile che abbia una serie di requisiti – dichiara il sindaco Bruno Mancuso - ovvero che sia di nuova costruzione, con una superficie intorno ai 2 mila metri quadrati, che sia quanto più possibile nel centro urbano, dotato di parcheggi e naturalmente a norma, al fine di concentrare in questo palazzo tutti gli uffici attualmente decentrati. Potremo, quindi, ottimizzare i servizi e rendere più funzionale l’amministrazione”. La Giunta ha dato mandato per la pubblicazione dell’avviso. Entro 30 giorni dalla pubblicazione, dovranno essere presentate le offerte. Una soluzione temporanea, in attesa della realizzazione di una nuova Casa Comunale, di cui da tempo si parla. Era stata individuata un’area in località Cannamelata (vedi foto), compresa tra il plesso che ospita il liceo classico e linguistico “Leonardo Sciascia”e quello dell’asilo nido “Cannamelata”. E’ delimitata lato mare dalla linea ferrata e lato monte da via Ragusa. Il Comune dispone di uno studio di fattibilità.
Cinzia Scaglione

Sant'Agata di Militello. Torrecandele. “Piazza Capita versa in stato di degrado”. A denunciarlo sono gli stessi residenti, che chiedono un intervento

“Piazza Capita versa in stato di degrado”. A denunciarlo sono gli stessi residenti, che chiedono un intervento immediato da parte dell’amministrazione comunale. La zona in questione è interessata settimanalmente dallo svolgimento del mercato. Inoltre, piazza Capita, realizzata qualche anno fa, rappresenta soprattutto per gli abitanti del quartiere un punto di ritrovo, crocevia delle contrade Capita, Terreforti e Torrecandele. Le lamentele riguardano la mancata pulizia e sistemazione del verde all’interno della piazza e l’assenza della segnaletica con la denominazione delle strade. “Nessuno sa che la strada che costeggia piazza Capita è la via Torrecandele – sottolinea Giacomo Corrao, che abita proprio nelle immediate vicinanze della piazza e l’anno scorso ha effettuato una raccolta di firme - è una zona sconosciuta. E basta guardare questa piazza per rendersi conto del degrado. La manutenzione è stata fatta solo due o tre volte. Quando c’è il mercato, le persone anziane vengono qui con l’intento di sedersi su qualche panchina e rilassarsi un po’, mentre i giovani vengono a mangiare qualche panino. Ma, nelle condizioni in cui versa la piazza è pericoloso. Le sterpaglie sono alte e c’è anche qualche serpente. Non si può neanche salire la gradinata, perché alla base è pieno di sterpaglie. E i cestini per i rifiuti sono quasi tutti rotti”.
Per quanto riguarda il danneggiamento dei cestini, si tratta naturalmente di atti vandalici. La raccolta di firme dei residenti delle contrade Torrecandele, Terreforti e Capita era stata presentata al Comune lo scorso anno. Veniva evidenziata la “pessima e addirittura nulla manutenzione del verde di piazza Capita e delle aree limitrofe, definite aree abbandonate con erbacce, rovi e insetti”. Si rilevava anche la mancata segnalazione delle diverse contrade e denominazione dei quartieri e delle vie, nonché l’assenza dei numeri civici e della segnaletica, che “rendono impossibile la riconoscibilità dell’intero abitato”. Disagi persino per gli operatori postali, che riscontrano difficoltà nella consegna della posta. Un problema del quale si era fatto portavoce, già lo scorso anno, il consigliere comunale Giuseppe Puleo, allora vice presidente del consiglio e oggi consigliere di minoranza (capo gruppo Pd), con un’interrogazione. Il sindaco Bruno Mancuso, interpellato sull’argomento, dichiara che è stato già avviato l’intervento di manutenzione del verde e che presto verrà effettuato anche in località Capita. Per quanto riguarda la denominazione delle strade, riferisce che se ne occuperà la Commissione Toponomastica, recentemente nominata, alla prima riunione di prossima convocazione.
Cinzia Scaglione

Nelle foto: Giacomo Corrao, residente nel quartiere Capita, fa notare la mancata manutenzione del verde in piazza Capita.

24 settembre, 2009

Sant'Agata di Militello. Traffico in tilt e pericolo per l’incolumità dei pedoni nell’area del plesso "L. Capuana"

Il servizio Video-audio. (Clicca sul simbolo "Play" per visionarlo)

Traffico in tilt e pericolo per l’incolumità dei pedoni nell’area che gravita attorno alla sede centrale del primo istituto comprensivo “Capuana”, situata in via Vittorio Veneto. Gli ingorghi stradali si verificano negli orari di ingresso ed uscita dei bambini dalla scuola elementare. Un vero e proprio caos si determina a causa dell’eccessiva confluenza di veicoli nella zona, raggiunta anche dal mini-bus scuola che il Comune mette a disposizione dei piccoli che abitano nelle contrade o in periferia. Viene interdetto al traffico solo un piccolo tratto della via Veneto, transennato e regolamentato dalla presenza dei vigili urbani, precisamente qualche metro della strada prospiciente il portone d’ingresso, dove tra l’altro viene effettuata la sosta del mini-bus scuola. C’è anche da dire che il resto della via Veneto è caratterizzato dalla sosta selvaggia e da autovetture parcheggiate sui marciapiedi e in doppia fila.
La situazione poi diventa critica lungo la perpendicolare via Oliveto secondo: una strada di ridotte dimensioni, che costeggia il plesso scolastico, dove vige il senso unico di marcia in direzione monti-mare e sistematicamente occupata, per una parte, dalle autovetture in sosta sul lato sinistro. Il marciapiedi è pressoché inesistente, dal momento che non si estende per tutta la lunghezza della via ed è di larghezza ridotta. Inoltre, questa via viene sovente percorsa contromano dai motociclisti. Decisamente pericoloso, poi, l’incrocio della stessa con la via San Martino, anche a causa della mancanza di strisce pedonali. E’ dunque a rischio l’incolumità soprattutto dei bambini non accompagnati dai genitori, in genere gli alunni delle ultime classi elementari, che entrano ed escono da scuola autonomamente. La preoccupazione dei genitori è grande. E fioccano le lamentele: “la via Oliveto secondo ha un fondo stradale dissestato – sottolineano – le auto posteggiate sulla sinistra non consentono ai pedoni di poterla percorrere senza pericoli. Sulla destra, invece, il marciapiedi è insufficiente, stretto e interrotto in qualche punto. Probabilmente, negli orari di ingresso ed uscita dalla scuola, sarebbe opportuno chiuderla, non consentire il transito delle auto e presidiare l’incrocio con la via San Martino con l’ausilio dei vigili urbani”. Abbiamo sottoposto il problema all’attenzione dell’assessore alla Viabilità, Antonio Scurria, che dichiara: “nei prossimi giorni, esaminerò la questione insieme al comandante del corpo di polizia municipale e cercheremo di capire quali siano le soluzioni più opportune per la risoluzione del problema, se quindi con un maggiore impiego di forze o con qualche piccolo intervento strutturale, quale la realizzazione di un marciapiedi idoneo, compatibilmente con le esigue risorse a disposizione”.

Cinzia Scaglione

23 settembre, 2009

Sant'Agata di Militello. Rammarico da parte del consigliere Maniaci per la mancata condivisione di una "Anagrafe on line dei Consiglieri Comunali".

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il "Comunicato Stampa" che ci ha inviato il consigliere di minoranza, Calogero Maniaci, capo-gruppo UDC.

Agli Organi di Stampa

LORO SEDI

Sono rammaricato per la mancata condivisione da parte della Maggioranza, sulla mozione da me proposta al Consiglio Comunale di lunedì 21 settembre e relativa alla istituzione di una “Anagrafe on line dei Consiglieri Comunali”. Non è stato capito e condiviso dalla Maggioranza lo spirito della mozione che voleva essere un tentativo di riprendere il collegamento con la città mettendo in rete degli spazi sul sito internet del comune dedicati alla attività dei Consiglieri Comunali.

Percepisco ogni giorno di più con grande preoccupazione che i cittadini sono completamente scollegati dalle istituzioni, non se ne interessano, spesso non sanno neanche chi siano e cosa facciano i Consiglieri Comunali, o si convincono che fare il Consigliere Comunale sia un modo per coltivare i propri hobbies ed i propri interessi.

La Maggioranza ha seguito il Consigliere Amata blindandosi sul rifiuto alla pubblicazione dei dati reddituali che già sono oggetto di pubblicità e che rappresentavo solo un residuale aspetto della mozione. Non capisco quale motivazione a tale rifiuto possa essere più importante di un segnale di trasparenza come quello contenuto nella mozione che si poneva come obiettivo la pubblicazione sul sito internet comunale di una scheda completa per ogni Consigliere Comunale finalizzata a far conoscere ai cittadini i propri rappresentanti.

Ritengo che sia un grande segnale di trasparenza e democrazia quello rendere pubblici in modo sintetico e riepilogativo tutti gli atti che pone in essere un Consigliere Comunale al fine di permettere ai cittadini di valutarne l’operato.

Io sono convinto che la gente abbia voglia di partecipare e di "entrare nel palazzo” ma la bocciatura della mia mozione indica a mio giudizio l’assenza della volontà politica da parte della Maggioranza di far conoscere alla gente il proprio operato e restare nell’anonimato.

Tutta l’Opposizione è d’accordo nel proseguire la strada indicata dalla mozione e considerata la mancanza di collaborazione della Maggioranza, vorrà dire che cercheremo di provvedere autonomamente nel più breve tempo possibile con la creazione di un sito internet da utilizzare per le finalità contenute nella mozione.

Sant’Agata Militello 22-09-2009

Il CAPOGRUPPO UDC

Calogero Maniaci

Sant'Agata di Militello. Verde pubblico, interventi di pulizia e manutenzione anche in piazza Speciale.

Hanno preso il via, un paio di giorni fa, gli interventi di pulizia e manutenzione del verde, disposti dall’assessore all’Ambiente Calogero Pedalà. Attenzionate diverse zone della cittadina, non solo il centro urbano ma anche le aree periferiche. Ieri mattina, l’intervento di sistemazione del verde è stato effettuato in piazza Speciale, proprio a ridosso della scalinata centrale che conduce al cancello d’ingresso dell’ufficio postale di via Goldoni, chiuso da tempo dall’Ente Poste. In particolare, i residenti del quartiere e diversi utenti si lamentavano per la presenza del tronco di un albero, prima a dimora nelle immediate vicinanze e sradicato dal vento, che continuava a permanere sugli scalini. Sullo stato di abbandono dell’area ricadente attorno a piazza Speciale è stata anche presentata un’interrogazione consiliare da parte del consigliere di minoranza Calogero Maniaci (capo gruppo Udc). “Stiamo attenzionando soprattutto le zone periferiche – dichiara il vice sindaco e assessore all’Ambiente, Pedalà - nel periodo estivo abbiamo concentrato gli interventi soprattutto sul lungomare, particolarmente frequentato dai turisti. Adesso, stiamo estendendo la manutenzione e sistemazione del verde anche alle zone periferiche. Sta operando personale del Comune, di concerto con unità dell’Ato Me 1. Chiediamo però la collaborazione dei cittadini, che devono rispettare l’ambiente e non sporcare, perché nelle aiuole troviamo tante bottiglie e lattine vuote. Abbiamo anche avviato un procedimento di diffida nei confronti dei proprietari di terreni incolti e abbandonati, come ad esempio nella zona dell’ufficio postale e in località Giancola. Se non provvederanno a sistemarli, procederemo noi e addebiteremo le spese”.
Cinzia Scaglione

Nelle foto: operai in piazza Speciale.

Sant'Agata di Militello. Conto consuntivo approvato dalla maggioranza consiliare. Un avanzo di un milione e mezzo.

Approvato, dalla maggioranza consiliare, il conto consuntivo (rendiconto della gestione finanziaria) del 2008, comprendente il conto del bilancio, il conto del patrimonio, il conto economico ed il conto degli agenti contabili al 31 dicembre 2008. Astensione della minoranza. Risulta un avanzo di amministrazione di 1.566.653,78 euro al 31 dicembre 2008, anche se ad oggi la somma disponibile ammonterebbe ad 1.452.765,27 euro (in quanto al bilancio di previsione dell’esercizio finanziario 2009 è stato applicato un avanzo di amministrazione vincolato per il 2007 - proventi contravvenzionali e parcheggi a pagamento - per complessivi 14.488,51 euro ed un avanzo di amministrazione presunto per il 2008 di 99.400,00 euro per il finanziamento di spese correnti). “La cosa che ci dà più soddisfazione – dichiara l’assessore al Bilancio, Antonio Scurria ( a destra nella foto) – è quella di avere rispettato ancora una volta il patto di stabilità. Rispetto al bilancio di previsione sono state rispettate tutte le previsioni relativamente alle entrate. Gli accertamenti anzi, in qualche caso, sono risultati superiori alle previsioni. Il bilancio si chiude con un avanzo di circa un milione e mezzo di euro, che in questo momento non viene applicato al bilancio perché deriva da residui attivi e quindi non può essere impegnato”. Ma, la minoranza consiliare parla di avanzo fittizio. “Ci sono debiti pregressi che si riferiscono a contenziosi non ancora conclusi – sottolinea il consigliere di minoranza Giuseppe Puleo (capo gruppo Pd) - e c’è il rischio che il Comune debba pagare. Sono una decina. E in più ci sono le parcelle dei professionisti”. “Non è un avanzo fittizio – replica l’assessore al Bilancio, Scurria - la situazione finanziaria complessiva ci preoccupa in prospettiva, nel senso che potrebbero a breve pendere sulla testa del comune alcuni debiti fuori bilancio che ereditiamo, ovvero derivanti da passate amministrazioni. Si tratta di diversi contenziosi ancora in via di definizione, che potrebbero diventare debiti fuori bilancio anche molto importanti. Quello più consistente è relativo alla contenzioso inerente la strada di circonvallazione, posto in essere dalla ditta Bonatti e che ammonta ad un milione e 700 mila euro. Ma, ancora è in sede di definizione. Quindi, l’avanzo di amministrazione non lo applichiamo al bilancio proprio per porre in essere una gestione oculata delle risorse. Abbiamo sempre fatto fronte ai debiti da pagare. Paghiamo sempre le fatture in poche settimane. Inoltre, entro il 30 settembre il consiglio comunale sarà chiamato ad approvare la salvaguardia degli equilibri di bilancio e allo stato attuale non si evidenziano fattori di squilibrio, tranne, ripeto, quelli derivanti da debiti fuori bilancio che possono scaturire dalla definizione di contenziosi che si riferiscono alle passate gestioni”.
Cinzia Scaglione

22 settembre, 2009

Sant'Agata di Militello. Il progetto “Psicologo in rete: nuove alleanze per una scuola di qualità”, quest’anno, prevede una serie di novità.

Il progetto “Psicologo in rete: nuove alleanze per una scuola di qualità”, quest’anno, prevede una serie di novità. “Opereranno ben 21 psicologici e non più 7 come l’nno scorso – dichiara il responsabile Massimo Franchina - e vi sarà un’azione di coordinamento con iniziative quali lo “Sportello ascolto”, l’aggiornamento per docenti, incontri con i genitori e indagini indirizzate a rilevare i reali bisogni dei giovani adolescenti del territorio. E’ prevista la compartecipazione finanziaria dei comuni, nella misura di mille e 500 euro per i comuni con una popolazione inferiore a 3 mila abitanti, di 2 mila euro per i comuni con una popolazione fra 3 mila e 9 mila abitanti e, infine, di 3 mila euro per i comuni con una popolazione superiore a 9 mila abitanti. La Provincia dovrebbe compartecipare con un contributo di 5 mila euro. Le scuole, invece, con una spesa minima. In particolare, gli istituti comprensivi con mille e 300 euro e quelli superiori con mille e 800 euro”. E ancora, “il progetto non durerà 3 mesi, ma 5, ovvero da ottobre a marzo. Per quanto riguarda lo “Sportello ascolto”, vi sarà la presenza bisettimanale di uno psicologo all’interno dei vari plessi scolastici, in orario antimeridiano, con la percentuale di 1 a 100 ragazzi. Abbiamo avuto ottimi riscontri lo scorso anno, a conclusione del quale abbiamo fatto un incontro per quantificare la partecipazione richiesta del servizio e l’interesse suscitato in docenti ed allievi”.
Cinzia Scaglione
Nella foto: Massimo Franchina,

Sant'Agata di Militello. Scuola, servizio stabile di psicologia. Un supporto per prevenire i disagi.

Scuola, servizio stabile di psicologia. Un supporto per prevenire i disagi.
E’ partita la macchina organizzativa per dare attuazione, già a patire dal prossimo mese, alla seconda annualità del progetto “Psicologo in rete: nuove alleanze per una scuola di qualità”, a cura della società cooperativa sociale Genius e con la compartecipazione finanziaria dei soggetti aderenti alla rete (ovvero Comune, Provincia e istituti scolastici).
Dopo il successo riscosso lo scorso anno, con il coinvolgimento dell’Itcg “Tomasi di Lampedusa” e dei due istituti comprensivi della cittadina, si procederà adesso ad una estensione territoriale del progetto.
Ma, l’obiettivo è anche quello di far partecipare all’iniziativa tanti altri comuni (molti sindaci hanno già sottoscritto una lettera di disponibilità, ma devono ancora deliberare in merito). Ieri mattina, infatti, presso la sala conferenze dell’Itis “Torricelli”, ha avuto luogo un primo tavolo di concertazione, alla presenza di sindaci, dirigenti scolastici, dell’assessore ai servizi sociali Enrico Natale, della responsabile del servizio scuola, Anna Miracola e, naturalmente, del team di esperti psicologi che espleterà il servizio, coordinati dal responsabile del progetto Massimo Franchina. Verranno interessati ancora una volta i due istituti comprensivi della cittadina e, inoltre, tutte le scuole superiori. E’ prevista l’attivazione, all’interno dei vari plessi scolastici, di un servizio stabile di psicologia scolastica: il cosiddetto “Sportello ascolto”. Quest’ultimo rappresenta un supporto utile per prevenire fenomeni di disagio legato, in particolare, alla preadolescenza e per fronteggiare situazioni critiche durante il percorso scolastico. Un aiuto nell’orientamento, un sostegno alla genitorialità e agli insegnanti stessi. Ricercare e analizzare le situazioni di disagio e i bisogni dei giovani significa poterne individuare le cause e magari offrire agli alunni un aiuto per gestire consapevolmente i propri problemi. Questo progetto propone un modo diverso di concepire il rapporto scuola-territorio-psicologia, ovvero lo psicologo non viene visto solo come figura con compiti diagnostici classici ed una formazione clinica, ma bensì come professionista che agisce per il benessere degli utenti, allargato alle strutture e al territorio nel quale gli stessi vivono. Uno spazio psicologico nella scuola è importante per garantire ad alcuni alunni che vivono in modo intenso le proprie situazioni di difficoltà la possibilità di una risposta rapida e per favorire le relazioni interpersonali e facilitare i momenti di integrazione, il rapporto tra il singolo e il gruppo-classe, la famiglia, gli insegnanti.

Cinzia Scaglione

Nella foto: il team di psicologi, insieme al responsabile Franchina e l’assessore Natale. (Cliccare sulla foto tenendo premuto anche il tasto Ctrl e si aprirà su una nuova scheda o su altra pagina del Browser)
Fonte: Giornale di Sicilia di Martedì 22 settembre 2009

Sant'Agata di Militello. Ratti a poca distanza dalla Chiesa S.Lucia. Il Comune dà il via alla derattizzazione.

Ratti a poca distanza dalla Chiesa S.Lucia. Il Comune dà il via alla derattizzazione.
Molti cittadini lamentano la presenza di ratti soprattutto nelle zone Vallone Posta, Monaci, nei pressi dell’ufficio postale centrale e nelle immediate adiacenze della chiesa Santa Lucia (vedi foto). In quest’ultima zona, nei giorni scorsi, ha messo in allarme i passanti l’avvistamento di un roditore in evidente stato di agonia, davanti ad una caditoia stradale. Il sindaco Bruno Mancuso ha già disposto l’attuazione di interventi di derattizzazione. Inoltre, l’assessore all’Ambiente Calogero Pedalà, ieri mattina, ha incontrato il direttore tecnico della Nebrodi Ambiente (società consortile che si occupa dei servizi ecologici per conto dell’Ato Me 1, per sollecitare lo svuotamento di pozzetti e caditoie. Sulla mancata pulizia degli stessi era stata presentata apposita interrogazione da parte del consigliere comunale di minoranza Calogero Maniaci (capogruppo Udc).
Cinzia Scaglione

20 settembre, 2009

Sant'Agata di Militello. Il bilancio ed alcune interrogazioni approdano in consiglio comunale .

Sei punti all’ordine del giorno della seduta consiliare convocata per domani, alle 18, dal presidente del consiglio comunale Andrea Barone. Nel civico concesso si discuterà dell’interrogazione presentata dal consigliere comunale di minoranza Calogero Maniaci (capogruppo Udc) e relativa all’esposizione finanziaria dell’Ato Me 1 nei confronti dell’Ente. Maniaci ha avanzato anche una mozione inerente l’istituzione di un’anagrafe online dei consiglieri comunali. E ancora, verrà attenzionata la mozione del consigliere comunale di maggioranza Domenico Barbuzza (lista “Azzurri per Sant’Agata”) sull’istituzione di “borse lavoro” per giovani. E la mozione presentata dai consiglieri comunali Barbuzza, Giallanza, Germanà e Pappalardo, incentrata sulla richiesta di abolizione dell’Iva sulla TIA (Tariffa di Igiene Ambientale), a seguito di una recente sentenza della Corte Costituzionale (del 24 luglio). Quindi, si passerà all’esame e all’approvazione del rendiconto della gestione finanziaria anno 2008, comprendente il conto del bilancio, il conto del patrimonio, il conto economico ed il conto degli agenti contabili al 31 dicembre 2008. Infine, il consiglio comunale procederà alla nomina della Commissione per la formazione degli elenchi dei Giudici popolari della Corte d’Assise e della Corte d’Assise d’Appello.
Cinzia Scaglione

19 settembre, 2009

Sant'Agata di Militello. Interrogazione al sindaco sul servizio di svuotamento e pulizia dei pozzetti, caditoie e delle griglie stradali .

Ennesima interrogazione al Sindaco di Sant'Agata di Militello da parte di Calogero Maniaci, capogruppo UDC nel consiglio comunale.
La trascriviamo integralmente corredandola con due foto scattate oggi.
---------------------
Oggetto: Interrogazione sul servizio di svuotamento e pulizia a fondo dei pozzetti, caditoie e delle griglie stradali da parte dell’ATO ME 1 Spa
Premesso
che nelle prime settimane di settembre si sono verificati alcuni fenomeni temporaleschi di importante intensità e breve durata.
che al verificarsi di tali fenomeni è emersa la scarsa capacita del sistema di raccolta delle acque piovane del nostro comune atteso che alcune strade come la via MEDICI si sono allagate in breve tempo riversando una ingente quantità d’acqua ad alta velocità nelle vie di collegamento con il lungomare come la centralissima via CAMPIDOGLIO
che nell’ottobre 2007 il Consiglio Comunale ha approvato una mozione che impegnava il Sindaco ad una verifica dello stato di attuazione del servizio di svuotamento e pulizia di pozzetti e caditoie da parte dell’ATO ME 1 Spa, nonché ad una pianificazione degli interventi necessari.
che il contratto di gestione con ATO ME 1 Spa all’articolo 10 elenca i servizi delegati ed integrativi che vengono svolti dalla suddetta società per conto del comune;
che tra questi è indicato alla lett. B/5 il “servizio di svuotamento e pulizia a fondo dei pozzetti, caditoie e delle griglie stradali” e che lo stesso è compreso tra i servizi delegati
Considerato
che il fenomeno si è ripetuto con grande frequenza nel corso della stagione invernale e gli ultimi episodi fanno presumere il cattivo stato di conservazione della rete di raccolta delle acque piovane.
che diverse sono le lamentele dei cittadini di tale servizio;
che il mancato svuotamento di tali sedi reca grave pregiudizio alla vivibilità delle zone interessate ed alla salubrità dei luoghi circostanti;
Ritenuto
di verificare l’espletamento di tale servizio da parte dell’ ATO ME 1 Spa mediante l’audizione del Sindaco in quanto responsabile dei rapporti aziendali con la società partecipata.
che il nostro comune quale socio di maggioranza e capofila dell’ambito territoriale ha il dovere politico oltrechè aziendale di verificare la bontà della gestione dell’organo di amministrazione attualmente in carica;
che l’ATO ME 1 Spa non ha svolto in questi anni con regolarità il servizio di che trattasi
Si interroga il Sindaco per conoscere:
- quante volte è stato richiesto il servizio di che trattasi all’ATO ME 1 Spa negli ultimi due anni e quante volte lo stesso è stato espletato - dove sono localizzati gli interventi eventualmente richiesti - se tale servizio è di natura obbligatoria o attivabile solo si richiesta del comune - se l’espletamento di tale servizio comporti un costo aggiuntivo o se lo stesso viene imputato alla fatturazione degli utenti - se esiste o meno una pianificazione del servizio in questione dal parte dell’ATO ME 1 Spa che garantisca la regolarità degli interventi - se non ritiene, in mancanza di programmazione da parte dell’ATO, di convocare i vertici aziendali e concordare un piano di verifica e intervento sullo stato attuale dei siti oggetto del servizio.
Sant’Agata Militello 17/09/2009
IL CAPOGRUPPO UDC
Calogero Maniaci

Sant'Agata di Militello. Mario Cipollini incontra in città gli appassionati di ciclismo. Ospite al "Castello Gallego" di Giovanni D'Atri .

Mario Cipollini, il "Re Leone" del ciclismo italiano, in visita a Sant'Agata di Militello, ha incontrato giovedì, nel tardo pomeriggio, i tifosi e gli appassionati di questo sport. L'appuntamento è stato programmato e organizzato da Giovanni D'Atri, presidente della società sportiva ciclistica santagatese "Mobili D'Atri". Ad attenderlo, per quasi un'ora, in piazza Crispi, di fronte al Castello Gallego i tanti tifosi della zona nebroidea che con pazienza hanno atteso, per circa un'ora, l'arrivo del loro idolo. Strette di mano, autografi, interviste alle TV locali per il dominatore indiscusso delle volate degli anni novanti. E' stata questa, per tutti gli appassionati di ciclismo, un'occasione unica per incontrare questo grande campione, indiscusso dominatore delle volate degli anni novanta. Infine la foto di gruppo, la visita al castello e la riunione nella sala di rappresentanza con il discorso di "benvenuto" e la promessa di Cipollini per un impegno volto ad organizzare manifestazioni ed eventi per valorizzare il territorio dei nebrodi.

Sant'Agata di Militello. Nascerà un polo cantierisco nautico. Accordo tra Comune e Asi.

Accordo siglato tra il Comune e l’ASI, ovvero il Consorzio per l’Area di Sviluppo Industriale della provincia. La cittadina diventerà sede di un “polo cantieristico nautico”. Ieri mattina, il sindaco Bruno Mancuso e il commissario straordinario Angelo Sottile hanno sottoscritto un protocollo d’intesa, finalizzato a definire, in forma coordinata, le attività necessarie per la pianificazione, la programmazione e la progettazione, anche dal punto di vista ambientale, delle aree dell’agglomerato industriale della cittadina comprese nel “Piano Regolatore Generale ASI” (approvato dall’Assessorato Regionale per il Territorio e l’Ambiente nel 2002).
Nascerà un polo cantieristico nautico per la costruzione di imbarcazioni nautiche, attività di rimessaggio, produzione di componenti per strutturare imbarcazioni nautiche, ecc... L’area ASI è situata proprio in prossimità della struttura portuale. La zona, degradata dal punto di vista ambientale, verrà riqualificata con l’obiettivo di rilanciare l’attività industriale nell’area stessa, secondo criteri di sostenibilità e innovazione ambientale. Il settore nautico rappresenta un settore di mercato in forte espansione. Tra l’altro, è in corso il completamento del porto (con connotazione “Turistica, Servizio Passeggeri, Commerciale, Peschereccio”), grazie anche ad un importante finanziamento di 48 milioni di euro concesso dalla Regione. E nel “Piano strategico per lo sviluppo della nautica da diporto in Sicilia” (strumento per il potenziamento del turismo siciliano nel settore della nautica da diporto), il “Porto dei Nebrodi” è stato individuato quale Porto Hub, insieme ai siti di Marsala e Marina di Ragusa, inserendosi quindi nell’ambito dei punti strategici per l’accesso in Sicilia dal nord e dal sud, in modo da coprire tutte le destinazioni e provenienze. L’Asi acquisirà dall’ufficio tecnico comunale la progettazione relativa alle urbanizzazioni del piano particolareggiato PP 6 (strumento che fa riferimento all’area del consorzio). Verrà, dunque, instaurata una forma di collaborazione per procedere alla mappatura delle aree consortili attualmente disponibili ed alla loro revisione, nonché ampliamento. Ricordiamo che sono in corso i lavori di potenziamento del collegamento viario che unisce l’infrastruttura portuale alla zona industriale.
Cinzia Scaglione

Nelle foto: il commissario straordinario del Consorzio per l’Area di Sviluppo Industriale della provincia, Angelo Sottile e il sindaco Bruno Mancuso.

Sant'Agata di Militello. L'opposizione vorrebbe un locale idoneo per fare gli incontri.

La Minoranza chiede al sindaco la disponibilità di locali idonei dove potersi incontrare. In particolare, i consiglieri comunali Giuseppe Puleo (capogruppo Pd), Calogerino Indriolo, Calogero Maniaci (capogruppo Udc), Calogero Carrabotta (capogruppo “Riscattiamo Sant’Agata”) e Antonino Blandi, hanno presentato apposita interrogazione al primo cittadino e al presidente del consiglio comunale, sollecitando l’individuazione di due locali nel plesso centrale, idonei ad ospitare i gruppi rispettivamente di Maggioranza e di Minoranza ed adeguatamente attrezzati ed arredati per l’espletamento delle attività dei gruppi consiliari. La Minoranza tiene ad evidenziare l’esistenza di locali concessi in comodato d’uso ad associazioni varie, senza che l’Ente ne tragga vantaggio. Spazi dei quali non possono invece usufruirne i consiglieri comunali per l’espletamento del proprio mandato, così come previsto dal vigente regolamento. “Questa situazione è già di per sé lesiva del diritto a poter svolgere il proprio mandato elettorale – si legge nel documento - considerando che il consigliere comunale è costretto a bivaccare per gli uffici senza poter avere un punto di riferimento certo all’interno della struttura”. I suddetti consiglieri ricordano anche che esplicita richiesta era stata avanzata dagli stessi lo scorso 20 luglio e che il presidente del consiglio, con successiva nota, aveva, di contro, evidenziato la non disponibilità di locali idonei.
Cinzia Scaglione

18 settembre, 2009

Sant'Agata di Militello. Interrogazione urgente del consigliere Maniaci sulle condizioni di sicurezza della circonvallazione.

Una interrogazione urgente sulle condizioni di sicurezza della circonvallazione è stata presentata dal capo-gruppo UDC Calogero Maniaci. Il consigliere Maniaci scrive:
"Negli ultimi tempi si assiste ad una crescente fruizione della circonvallazione nei tratti della stessa interessati dai lavori di completamento ad opera dell’impresa aggiudicataria dell’appalto. che tale situazione è stata più volte denunciata anche dalla stampa la quale ha invitato l’Amministrazione ad attivarsi;
che nelle aree-cantiere della circonvallazione il traffico veicolare raggiunge spesso livelli allarmanti considerate le precarie condizioni di sicurezza dovute alla presenza di restrizioni ed altra attrezzatura cantieristica;
che tale arteria, nel tratto sopra menzionato, viene spesso percorsa, paradossalmente, anche dai mezzi di soccorso del 118, ovviamente a velocità sostenute, oltreché da mezzi pesanti diretti presso il cantiere del porto"
Il consigliere Maniaci fa presente inoltre:
"che i lavori di completamento della circonvallazione non risultano essere ancora consegnati dalla ditta aggiudicataria dell’appalto;
che la stessa ditta si mostra incurante rispetto al perdurare di questa situazione quando dovrebbe essere essa stessa responsabile della sicurezza nell’area oggetto dei lavori;
che nessun tipo di controllo viene attuato dal corpo di Polizia Municipale che l’attivazione anticipata dell’impianto d’illuminazione e l’assenza di delimitazioni inamovibili nelle aree-cantiere della circonvallazione hanno incentivato l’utilizzo dell’arteria stradale e determinando quotidianamente situazioni di grave pericolo, data principalmente dalla precaria integrazione della circonvallazione con la viabilità esistente che l’assenza di alcun tipo di controllo da parte della Polizia Municipale incentiva anche fenomeni di percorrenza ad alta velocità specie da parte di ciclomotori."
E così continua:
"Ritenuto che l’ente abbia la responsabilità, di concerto con la ditta esecutrice dei lavori, di garantire condizioni di sicurezza idonee ad evitare l’esposizione dei cittadini ad inutili pericoli, anche mediante un severo ed intransigente sistema di controlli.
Si interroga il Sindaco per conoscere:
- lo stato dei lavori di completamento della circonvallazione.
- i tempi di realizzazione delle residuali opere necessarie al completamento dei lavori.
- i motivi per cui la ditta esecutrice non predispone, nelle more del completamento, gli interventi necessari alla inibizione della circonvallazione al transito veicolare.

- le azioni che intende porre in essere nell’immediato per la realizzazione ed il mantenimento di adeguate condizioni di sicurezza stradale dovute al transito selvaggio e non autorizzato nella circonvallazione.
- la posizione dell’Amministrazione circa la necessità di disporre adeguati e periodici controlli da parte della Polizia Municipale ed i motivi per cui tali controlli non sono stati effettuati."


Conclude chiedendo risposta scritta e orale con iscrizione URGENTE all’ordine del giorno del primo Consiglio utile.

Anonimo scrive:
per l'Assessore alla viabilità
E' un parcheggio ( 9 autovetture e 2 ciclomotori ) o un incrocio con corsie di canalizzazione?
ci vuole la rotonda subito!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!.

Sant'Agata di Militello. Messa in sicurezza del porto. Si è insediata la commissione per il collaudo dei lavori.

Si è insediata ieri mattina la Commissione Collaudo, presieduta dall’ingegnere Butera, che dovrà verificare la corretta esecuzione della prima fase dei lavori di messa di sicurezza del porto. Ricordiamo che l’impresa aggiudicataria dell’intervento, l’Ati “Rossi-Bruno”, sta per completare il prolungamento della diga foranea di sopraflutto dalla progressiva 770 a 1.040 metri. Intanto, però, la locale marineria è in subbuglio per un’ordinanza della Capitaneria che ha disposto lo sgombero, entro un mese, del molo di sottoflutto da barche, carrelli, verricelli e attrezzi vari. Un provvedimento dettato soprattutto dalla necessità di attivare, nel giro di poche settimane, il cantiere relativo ai lavori di completamento del porto.
Il finanziamento regionale di 48 milioni di euro è stato già incassato dal Comune, che gestirà l’appalto. Gli uffici stanno predisponendo il bando di gara. Tuttavia, l’ordinanza sarebbe stata determinata anche dalle condizioni in cui versa il piazzale, ovvero alla mancata pulizia dello stesso da parte di qualche pescatore.
--------------------------
Nella foto : L’incontro a Palazzo Crispi, tra un gruppo di pescatori. (Da sinistra): il sindaco Bruno Mancuso, il presidente di Federcopesca Sicilia, Angelo Mancuso e l’assessore Filippo Travaglia.
--------------------------
E’ stato lo stesso sindaco Bruno Mancuso a farlo presente ad una rappresentanza della marineria e al presidente di Federcopesca Sicilia, Angelo Mancuso, durante un incontro tenutosi a Palazzo Crispi, alla presenza dell’assessore alla Pesca, Filippo Travaglia. Il primo cittadino ha comunque deciso di chiedere in concessione d’uso il piazzale, per suddividere lo stesso in box da assegnare ai pescatori, che però dovranno provvedere alla pulizia quotidiana del proprio spazio. Naturalmente, verrà lasciata libera una parte del piazzale per consentire l’insediamento del successivo cantiere. Una decisione che ha messo d’accordo tutti. “Anche se l’area è del demanio – sottolinea il presidente di Federcopesca Sicilia, Angelo Mancuso – ci sono diritti dei pescatori acquisiti nel tempo. Il porto nasce grazie alla presenza della marineria. Non è possibile emettere un’ordinanza facendola passare sulla testa dei pescatori. Ci sono imprese professionali di pesca con delle famiglie e la pesca è l’attività principale della cittadina. Il porto deve servire si da volano per lo sviluppo socio-economico del territorio, ma anche per la pesca. Non può diventare un’arma a doppio taglio per la marineria. Non accetteremo mai un’ordinanza del genere, che tutt’al più dovrebbe riguardare solo i diportisti, con imbarcazioni piccole che si possono mettere nel garage e attività stagionali turistiche e non imbarcazioni di 20- 25 metri. La nostra paura è che dietro questo provvedimento ci sia un’ipotesi di privatizzazione”. Ma, il sindaco Mancuso rassicura in tal senso, riferendo che le lamentele della Capitaneria erano incentrate sulla mancata pulizia del piazzale, che ogni pescatore dovrebbe effettuare, anche perché – evidenzia - sarebbe “un onore economico non indifferente per l’Ente”. E ribadisce la volontà di chiedere in concessione il piazzale per poter assegnare dei box ai pescatori.
Cinzia Scaglione


Sant'Agata di Militello. Centro commerciale naturale, boccata d'ossigeno per piccole e medie imprese.

“Unitevi e organizzatevi per resistere in questo momento di grande sofferenza che sta attraversando il settore commerciale”. E’ l’appello lanciato ai commercianti da parte del presidente della Camera di Commercio Nino Messina, nel corso della riunione tenutasi al castello Gallego e convocata dall’assessore al Commercio ed Attività produttive, Filippo Travaglia. L’amministrazione comunale intende supportare gli esercenti, promuovendo la realizzazione di un Centro Commerciale Naturale e partecipando a tal proposito allo specifico avviso regionale. “E’ un’occasione da cogliere al volo – sottolinea Messina – una boccata d’ossigeno per le piccole e medie imprese. Il Centro Commerciale Naturale rappresenta una risposta alla grande distribuzione”. “Siamo al secondo incontro – dichiara l’assessore Travaglia - ne faremo altri, per essere operativi in tempi brevi e presentare istanza alla regione entro il 31 ottobre. Ci sarà il coinvolgimento diretto dei commercianti e di tutto ciò che può fare da contorno alle attività commercianti e, quindi, associazioni di categoria e non, istituti bancari e privati. Questi ultimi per avere la disponibilità di immobili che possano ospitare eventuali eventi culturali collaterali. L’obiettivo è anche quello di porre in essere strategie finalizzate a sostenere il commercio. Nel contempo, recuperare antiche tradizioni e, quindi, l’identità storico-culturale della città, salvaguardando e valorizzando gli spazi urbanistici di socializzazione e vivacizzando le potenzialità commerciali e culturali dell’area del centro storico, attraverso un’ampia offerta merceologica specializzata e rivolta a definiti target di consumo”. Occorrerà collegare gli operatori mettendo insieme le diverse tipologie (dal settore commerciale al terziario, dall’industria alla ristorazione e ai servizi complementari, dai settori della ricettività turistica ai trasporti, dall’agricoltura di qualità alla pesca, dall’artigianato tradizionale all’high-tech) e suddividere gli esercizi commerciali in aree territoriali che convergeranno nel Consorzio. Gli ambiti potrebbero essere: area 1 centro storico, area 2 via Campidoglio, area 3 via Medici ed area 4 Lungomare.
Cinzia Scaglione
___________________
Il Blog del Comune di Sant Agata di Militello.
Fai sentire la tua voce!
Se vuoi scrivere news, notizie, eventi, foto, video, contattaci
E_mail: cirosca@gmail.com
____________________

17 settembre, 2009

Sant'Agata di Militello. Interrogazione al Sindaco sulla localizzazione del mercato settimanale.

Al Presidente del Consiglio
Al Sindaco
Al Segretario Comunale

Oggetto: Interrogazione al Sindaco sulla localizzazione del Mercato settimanale
Premesso
che nei programmi dell’Amministrazione dei primi cento giorni vi è l’impegno all’apertura definitiva della circonvallazione e la sua completa percorribilità;
che si è appreso dalla stampa dell’imminente completamento dei lavori da parte della ditta aggiudicataria dell’appalto.
che attualmente nel quartiere Capita, nelle immediate vicinanze della circonvallazione, ha sede il mercato settimanale che richiama diversi operatori commerciali e utenti.
che l’attuale localizzazione del mercato settimanale è stata decisa nel corso del precedente mandato dall’Esecutivo cittadino che con apposita delibera ha a suo tempo disposto il trasferimento temporaneo del mercato settimanale presso un’area a tal fine destinata in contrada Capita.
che lo stesso Consiglio Comunale, interessato all’argomento viste le proteste degli operatori del mercato, ha ribadito il carattere di temporaneità dello spostamento nelle more del completamento dei lavori del collettore fognario che hanno interessato l’originaria localizzazione del mercato settimanale
Considerato
che in occasione del mercato settimanale la circonvallazione ospita per centinaia di metri, spesso su entrambi i lati della carreggiata, le auto in sosta dei cittadini che si recano in quella zona per i propri acquisti;
che anche la strada provinciale 163 diventa sede di parcheggio con inevitabili ripercussioni sulla fluidità del traffico;
che tale situazione è evidentemente incompatibile con l’efficiente fruizione futura della circonvallazione sulla quale transiteranno mezzi di ogni genere in particolare i mezzi pesanti che eviteranno così di attraversare il centro abitato;
che la recente realizzazione di servizi igienici con strutture fisse anziché mobili prefigura la volontà di mantenere il mercato settimanale definitivamente nella attuale localizzazione.
che ad oggi l’amministrazione non ha manifestato alcuna intenzione sull’argomento ne si è confrontata con il consiglio comunale sulla pianificazione del mercato settimanale in vista dell’imminente apertura della circonvallazione.
Si interroga
il Sindaco per conoscere quali azioni intende porre in essere l’Amministrazione per superare i futuri problemi di mobilità e parcheggio che interesseranno la circonvallazione nei giorni in cui si svolge il mercato settimanale; per conoscere la pianificazione in merito al futuro svolgimento del mercato settimanale e la sua definitiva localizzazione ed integrazione con il tessuto urbano; per conoscere infine i motivi per cui si siano realizzati servizi igienici in struttura fissa in luogo di strutture mobili, il costo degli stessi e la convenienza economiche rispetto a soluzioni mobili.
Di tanto si richiede risposta scritta e orale con iscrizione all’ordine del giorno del primo Consiglio utile.
Sant’Agata Militello 15/09/2009
Calogero Maniaci, Giuseppe Puleo, Calogerino Indriolo, Calogero Carrabotta, Antonino Blandi

Sant'Agata di Militello. Circonvallazione. Il consigliere di minoranza Calogero Maniaci ci invia un comunicato stampa che pubblichiamo integralmente.

Ancora sulla circonvallazione.

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato stampa inviatoci dal consigliere comunale di minoranza Calogero Maniaci e sempre relativo alla circonvallazione.

Agli Organi di Stampa

LORO SEDI

Ho appreso dalla stampa nei giorni scorsi del prossimo inizio dei lavori di sistemazione della segnaletica stradale lungo la circonvallazione quale atto finale del completamento dell’opera.

Visto il grande entusiasmo con cui si decanta il completamento di un’opera dalla indiscutibile valenza strategica per la mobilità cittadina, e non avendo ben chiara la visione dell’Amministrazione circa l’efficiente integrazione della circonvallazione con la viabilità esistente, specie quella provinciale, abbiamo ritenuto come Minoranza Consiliare di predisporre delle interrogazioni sulle singole problematiche legate al completamento della circonvallazione.

Ritengo personalmente meno utile la rotonda che è stata realizza in contrada San Giuseppe rispetto ad altre due intersezioni della circonvallazione con altrettante strade provinciali nelle quali non si capisce bene che tipo di interventi si appresteranno per evitare l’insorgere di evidenti situazioni di pericolo che si presenteranno una volta completati i lavori. Mi auguro che il Sindaco non pensi di organizzare nessuna cerimonia di inaugurazione senza prima aver predisposto gli interventi necessari a mettere in sicurezza la circonvallazione in tutta la sua percorribilità.

Già assistiamo oggi ad una fruizione selvaggia e pericolosa sulla quale nessun ritiene di intervenire a partire dall’Amministrazione e dal Corpo di Polizia Municipale per finire alla Ditta Bonelli che non assicura l’inibizione al traffico di una area che è ancora un cantiere aperto.

Su quest’ultimo argomento presenteremo una interrogazione urgente da iscrivere al prossimo consiglio comunale

Sant’Agata Militello 17-09-2009

Il CAPOGRUPPO UDC

Calogero Maniaci

Sant'Agata di Militello. Presentata dal consigliere Gerlando Strati una "mozione" per rendere più adeguata e funzionale la "fiera storica".

“Restituire alla tradizionale fiera storica l’antico splendore, adeguandola nel contempo alle esigenze contemporanee”. Con questo obiettivo, il consigliere comunale di maggioranza Gerlando Strati (lista “Uniti per Sant’Agata”) ha presentato apposita mozione al sindaco Bruno Mancuso e al presidente del consiglio comunale Andrea Barone. La fiera storica, che per consuetudine si svolge sul lungomare, risale al diciassettesimo secolo. “Inaugura” ad aprile e “chiude” a novembre tutte le fiere della Sicilia (nei giorni 14 e 15). Tuttavia, ormai è diventata il duplicato di un mercato settimanale più esteso. Il consigliere Strati traccia un’accurata analisi storica, a partire dalle origini della kermesse. Poi, suggerisce come recuperarne la valenza, facendo sì che rappresenti ancora una volta un’occasione di grande attrattiva per gli abitanti del comprensorio nebroideo. “Per valorizzare l’evento – sottolinea - è indispensabile riconsegnare allo stesso l’identità originaria attraverso la costruzione di un nuovo impianto, con parcheggi adeguati, servizi igienici, servizi informativi e l’apertura di sportelli di agenzie territoriali dei Nebrodi (Parco-Gal-PIS). Riconvertire le attività merceologiche oggi inflazionate su attività generaliste e organizzare meglio la destinazione assegnata al settore del bestiame. Coinvolgere i comuni dell’hinterland facenti parti del PIS per offrire loro una possibile vetrina, con le associazioni di categoria, i produttori di vino, olio nocciole, noci, mandorle, castagne, miele, dolci tipici, formaggi, ecc… Candidare la fiera ad evento riconosciuto dalla Regione, programmare eventi collaterali, culturali, utilizzando i locali del castello, di piazza Vittorio Emanuele e alcune aree del centro storico. Acquisire partenariato pubblico e privato. Infine, ipotizzare una suddivisione in aree tematiche”.
Cinzia Scaglione
Nella foto : il consigliere comunale Gerlando Strati.

16 settembre, 2009

Sant'Agata di Militello. Interrogazione dei consiglieri di minoranza Puleo, Indriolo, Maniaci, Carrabotta, Blandi relativa alla Circonvallazione.

Continuano a pervenire, a getto continuo, sul tavolo del Sindaco, interrogazioni e mozioni presentate dai consiglieri di maggioranza e minoranza. Eccone un'altra presentata dai consiglieri di minoranza Puleo, Indriolo, Maniaci, Carrabotta, Blandi relativa alla Circonvallazione.

Al Presidente del Consiglio
Al Sindaco
Al Segretario Comunale

Oggetto: Interrogazione al Sindaco sulla futura fruizione della Circonvallazione


Premesso
che nei programmi dell’Amministrazione dei primi cento giorni vi è l’impegno all’apertura definitiva della circonvallazione e la sua completa percorribilità;
che l’asse viario in questione se gestito nell’ottica di una efficiente integrazione con la viabilità esistente potrebbe rappresentare la più importante via di attraversamento del territorio comunale.
che si è appreso dalla stampa dell’imminente completamento dei lavori da parte della ditta aggiudicataria dell’appalto.
Considerato
che la circonvallazione interseca la viabilità esistente i 5 punti e precisamente con la strada statale 113, con 3 strade provinciali e con lo svincolo autostradale.
che almeno in 2 delle suddette intersezioni non sono presenti delle strutture rotatorie o di altro tipo idonee a regolamentare il traffico veicolare.
che la situazione dell’area in questione, ove continuassero a persistere le attuali condizioni, risulterebbe incompatibile con l’efficiente fruizione futura della circonvallazione sulla quale transiteranno mezzi di ogni genere in particolare i mezzi pesanti che eviteranno così di attraversare il centro abitato ed annullerebbe la funzione stessa della circonvallazione quale strada di scorrimento per il rapido attraversamento del territorio comunale.
Si interroga il Sindaco per conoscere quali azioni intende porre in essere l’Amministrazione per evitare l’insorgere di problemi di mobilità nelle intersezioni della circonvallazione con la viabilità esistente; per conoscere la pianificazione in merito alla efficiente integrazione della circonvallazione con la viabilità comunale.
Si interroga altresì il Sindaco al fine di conoscere se risulta vero che l’Amministrazione sia stata a suo tempo diffidata dalla Regione e dall’ordine degli Ingegneri in merito alle procedure di affidamento dell’incarico di Direzione Lavori ad un Associazione di Architetti atteso che la legge sembrerebbe prevedere la figura dell’Ingegnere per la Direzione dei Lavori in questo settore, e quale sia l’esito della controversia.
Di tanto si richiede risposta scritta e orale con iscrizione all’ordine del giorno del primo Consiglio utile.
Sant’Agata Militello 15/09/2009
Giuseppe Puleo
Calogerino Indriolo
Calogero Maniaci
Calogero Carrabotta
Antonino Blandi